Due ristoranti a confine fra 3 regioni, ‘costretti a uno stop’

(ANSA) – PERUGIA, 18 NOV – Lo chiamano il “triangolo
benedetto”, ma in tempo di pandemia per Iside De Cesare –
titolare di un paio di ristoranti – questa terra di confine tra
Lazio, Umbria e Toscana è diventato un paradosso tutto italiano,
al punto da essere costretta a chiudere entrambi i locali in
attesa che un nuovo dpcm permetta, in futuro, di ricircolare tra
le regioni. Le due attività raggiunte dall’ANSA – “La Parolina”
e “La Monaldesca” – si trovano esattamente sul confine dove si
incontrano le tre regioni, nel cuore dell’area naturalistica del
Monte Rufeno, tra le province di Viterbo, Terni e Siena. “Il
paradosso – racconta la ristoratrice – è che i ristoranti si
trovano per qualche centinaio di metri in territorio laziale,
oggi classificato in zona gialla nella lotta al Covid e quindi
potremmo restare aperti per il pranzo, ma, a parte molti
affezionati romani, i due terzi della nostra clientela arrivano
dall’Umbria e dalla Toscana, che si trovano praticamente a due
passi da qui. Umbria e Toscana sono però inserite nelle fasce
arancione e rossa e quindi i cittadini non possono muoversi dai
rispettivi comuni di appartenenza”. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte