È morto Bartolomeo Pepe, ex senatore e convinto No vax

Dic 23, 2021

  • Condividi l'articolo

    Non ce l’ha fatta Bartolomeo Pepe, 59 anni, ex senatore del Movimento 5 Stelle e sostenitore del movimento No vax. Come ci siamo occupati sul Giornale.it, Pepe era stato ricoverato alcuni giorni fa nella terapia intensiva dell’ospedale Cotugno di Napoli dopo aver contratto una polmonite bilaterale interstiziale a causa del Covid-19.

    Le condoglianze della politica

    Davide Crippa, capogruppo dei Cinquestelle alla Camera, ha confermato il decesso del parlamentare con un messaggio di cordoglio. “Apprendo con dispiacere della morte dell’ex senatore Bartolomeo Pepe. Alla sua famiglia e ai suoi cari le condoglianze del nostro gruppo parlamentare“, come si legge sul Corriere. “A nome mio e del gruppo del Movimento 5 stelle al Senato porgo sincere condoglianze ai familiari del senatore Bartolomeo Pepe, di cui abbiamo appena appreso con tristezza la scomparsa“, afferma Mariolina Castellone, capogruppo al Senato del M5S.

    La carriera di Pepe

    Contrario ai vaccini (la propria immagine Fb riporta la scritta “No Vax”), l’ex senatore era stato eletto nel 2013 passando, dopo due anni, nel gruppo Gal (Grandi Autonomie e Libertà) dove era rimasto fino alla fine della legislatura, nel 2018, senza essere rieletto. Quando ancora era a Palazzo Madama, Pepe provò a organizzare al Senato la proiezione del documentario “Vaxxed”, del 2016, diretto da Andrew Wakefield, un ex medico britannico divenuto antivaccinista. L’evento fu annullato dopo le fortissime polemiche che si scatenarono. In passato, aveva espresso il proprio scetticismo sull’allarme Covid parlando di “ridicola isteria”.

    La battaglia per l’ambiente

    L’ex senatore era stato ricoverato alcuni giorni fa dopo l’aggravarsi delle sue condizioni di salute. Purtroppo, Pepe era stato intubato a causa dei probeli respiratori. In passato, Pepe ha anche condotto molte battaglie a difesa dell’ambiente, occupandosi delle montagne di rifiuti sversati nella Terra dei Fuochi. Nel 2017, su Facebook, condivise un post in cui parlò dell’allarme sugli interferenti endocrini, sostanze chimiche che possono alterare l’equilibrio ormonale degli organismi viventi (compreso l’uomo), arrivando a fare un’interrogazione al Ministro della Salute sul “vero obiettivo dell’inquinamento: modificare scientificamente il dna umano“.

    Numerosi messaggi di cordoglio si susseguono su Facebook dove Bartolomeo Pepe era molto seguito: purtroppo, però, non tutti hanno rispetto della morte di un essere umano anche se aveva deciso di non proteggersi con i vaccini. Definire alcuni commenti fuor di luogo è superfluo. Fortunatamente, la maggior parte della gente che sta interagendo in numerosi post si dissocia fermamente denunciando i commenti più cattivi e privi di umanità.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Malagò: ‘Ho rischiato l’ictus, ora sono fuori pericolo’

    Malagò: ‘Ho rischiato l’ictus, ora sono fuori pericolo’

       "La sera del 24 dicembre mi sono ricoverato in day hospital per un piccolo intervento agli occhi, e i medici mi hanno diagnosticato una aritmia atriale, molto comune, che normalmente si sente ma io non l'avevo mai sentita.    Mi hanno detto...