• “Ecco le 5 priorità del Paese”. Il Cav traccia la road map del governo

    Condividi l'articolo

    A 48 ore dal voto Silvio Berlusconi ha pubblicato sui suoi social l’ultima pillola di programma elettorale prima del silenzio, che scatterà dalle 00.00 di sabato 24 settembre. È stata una campagna elettorale pulita e ragionata quella del Cavaliere, condotta senza mai insultare o denigrare gli avversari politici ma concentrandosi esclusivamente su quanto il suo partito ha da proporre agli italiani. Il presidente di Forza Italia si è tenuto ben lontano dalle beghe elettorali, concentrandosi sul dialogo con gli elettori e mostrando loro quali saranno i cambiamenti che verranno apportati nel caso in cui il suo partito sarà al governo. E così ha fatto anche nell’ultima pillola, in cui ha elencato le priorità del nostro Paese.

    Sono cinque i punti fondamentali sui quali Silvio Berlusconi punta prevalentemente per rilanciare il Paese, ormai in ginocchio e con il bisogno di rimettersi in piedi il prima possibile, soprattutto per dare un futuro limpido ai giovani e sereno agli anziani. Il primo punto elencato dal Cavaliere nella sua pillola video è fiscale: “Il taglio delle tasse con la flat tax e l’esenzione sino a 13 mila euro“. Sulla flat tax, Silvio Berlusconi ha investito molto in questa campagna elettorale, spiegando come questo sistema sia in grado di far emergere il pil sommerso perché rende non conveniente evadere le tasse. Meno tasse per più persone, quindi, che oltre a portare un vantaggio a cittadini e imprese porteranno maggiori ingressi nelle casse dello Stato, tramite i quali dare il via a nuove misure per i cittadini.

    La lotta alla burocrazia, abolendo il regime delle autorizzazioni preventive“, ha detto Silvio Berlusconi. Anche su questo tema ha spinto molto nelle ultime settimane, sottolineando come permetta di aumentare i posti di lavori e di far ripartire l’industria edile del Paese. Poi, il Cavaliere ha spinto e rimarcato la necessità di “una giustizia giusta che rispetti la presunzione di innocenza e diminuisca i tempi dei processi portandoli a quelli che sono i tempi europei“, visto che ora siamo molto distanti da quelli standard, che potrebbero essere definiti di civiltà. E poi, ancora, lo sguardo di Silvio Berlusconi si rivolge ai giovani, ai quali va garantito un buon lavoro, “stabile e retribuito adeguatamente“. Quindi, il pensiero di Silvio Berlusconi va anche alle persone più mature, per le quali ha previsto un “aumento di tutte le pensioni di anzianità e di invalidità, ad almeno 1000 euro al mese per 13 mensilità. Anche alle nostre mamme e alle nostre nonne, che hanno sempre e solo lavorato in casa, per la famiglia, per i figli“.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte