Ecuador: crisi carceri, governo dispone indulti e rimpatri

Ott 2, 2021

  • Condividi l'articolo

    Il governo ecuadoriano ha annunciato l’intenzione di concedere circa 2.000 indulti e rimpatriare i prigionieri stranieri nei rispettivi Paesi come come prime misure per cercare di ridurre il sovraffollamento nelle carceri del paese, dopo gli scontri di martedì nel carcere El Litoral di Guayaquil che hanno avuto un bilancio di 118 morti e decine di feriti.
        La notizia, riferisce la tv Ecuavisa, è stata resa nota ieri nel corso di una conferenza stampa tenuta dalla ministra dell’Interno, Alexandra Vela, e dal direttore del Servizio nazionale per l’assistenza globale ai reclusi (Snai), Bolívar Garzón.
        Quest’ultimo ha spiegato la portata di proposte che sono fra le sue competenze, fra cui “l’avvio immediato di provvedimenti di grazia per persone anziane, donne, disabili e malati terminali”.
        Si tratta, ha detto, di “provvedimenti di grazia per circa 2.000 persone che non sono implicate in reati gravi” e che lo Snai raccomanderà al governo di rendere effettive.
        Da parte sua Vela ha ricordato che “la grazia in questi casi può essere concessa da due figure delle istituzioni ecuadoriane: il presidente della Repubblica e l’Assemblea nazionale (An)”.
        La ministra ha quindi segnalato che è stato anche deciso di “gestire con rapidità il processo di rimpatrio degli stranieri” che scontano pene nelle carceri ecuadoriane. In questo ambito, ha precisato, è in corso l’esame di “82 casi”.
        Riguardo al Centro di reclusione El Litoral, che nell’ultimo anno è stato l’epicentro di sanguinose risse tra bande legate al traffico di droga, Vela ha affermato che lo Snai sta mettendo a punto misure per “assumere il controllo totale della prigione”.
        Fra queste, l’inasprimento delle misure di sicurezza e l’istallazione di scanner per esaminare a fondo il materiale che entra nella prigione, e impedire soprattutto l’arrivo di armi ai detenuti. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Portuali Trieste, dietrofront, la protesta continua

    Portuali Trieste, dietrofront, la protesta continua

    (ANSA) - TRIESTE, 17 OTT - Dietrofront del Coordinamento dei portuali triestini che, dopo il comunicato diffuso in serata, confermato dalla conferenza stampa tenuta dal leader Stefano Puzzer, è tornato sulla propria decisione sostenendo in un breve messaggio sui...

    Verona: Tudor, ci prendiamo primo tempo e lavoriamo

    Verona: Tudor, ci prendiamo primo tempo e lavoriamo

    (ANSA) - MILANO, 16 OTT - "Un vantaggio di 2-0 non lo vogliamo più, è già la terza volta": lo dice sorridendo Igor Tudor, a Dazn, al termine della sconfitta subita dal Milan a San Siro dopo che il suo Verona era riuscito a conquistare un doppio vantaggio nel primo...