“Elly Schlein? Condannati a perdere”. La previsione di Renzi sul Pd

Condividi l'articolo

Matteo Renzi sta seduto sulla riva del fiume e attende le prossime mosse del Pd. Dopo la batosta elettorale, il partito di Enrico Letta dovrà sciogliere alcuni nodi decisivi per la propria sopravvivenza e il leader di Italia Viva sembra pronto a godersi lo “spettacolo”. Secondo il senatore fiorentino i dem rischiano di commettere l’ennesimo passo falso proprio a cominiciare dalla scelta del nuovo segretario, ovvero di colui o colei che dovrà imprimere la direzione politica.

La profezia su Elly Schlein

Il Pd deve scegliere. Stanno con chi vuole creare lavoro o con chi vuole il reddito di cittadinanza?“, ha incalzato l’ex premier, pronto a inzigare i dem proprio su uno dei temi destinati a dividere il loro partito. Poi la stoccata sulla segreteria e in particolare sull’ipotesi che a subentrare a Enrico Letta possa essere Elly Schlein, la pasionaria di sinistra in prima linea sui temi progressisti cari ai radical chic (ambientalismo, diritti, battaglie femministe…). Ebbene, secondo Renzi l’arrivo dell’ex europarlamentare alla guida del Pd potrebbe provocare un contraccolpo immediato in favore di Italia Viva. “Se la segreteria del Pd dovesse andare a Elly Schlein, mezzo Partito Democratico verrebbe da noi, è un dato di fatto“, ha profetizzato il senatore ieri sera su Rete4.

E stamani, intervenendo su La7 in merito allo stesso argomento, ha rincarato la dose. “Mezzo partito? Forse sono stato prudente“, ha punzecchiato. Poi l’ulteriore sentenza sui dem, destinati a suo avviso a implodere: “Io penso che la fine del Pd ci sarà sia con Elly, sia senza. Se Pd e 5 stelle si mettono d’accordo chi ha l’animo riformista non può stare con Conte e Casalino“. L’ex premier ha inoltre previsto (pro domo sua): “Se alla guida del partito di va la Schlein io prevedo una bellissima, grande alleanza a sinistra con Conte, Bettini, D’Alema.. E noi di Renew Europe, assieme a Calenda e a chi verrà, alle prossime elezioni saremo la maggioranza. Una sinistra in quel modo è condannata a perdere in tutta Europa e in tutto il mondo“.

Renzi e la Meloni al governo

Così l’ex premier, già all’opera per allargare il fronte del terzo polo, ha aggiunto: “Se il Pd sceglierà Schlein auguri di buon lavoro a Schlein, D’Alema Bettini e Conte, li vedo bene insieme ma penso che saranno destinati a perdere le elezioni“. Inoltre, come già aveva fatto, Renzi ha ribadito il proprio atteggiamento rispetto al prossimo governo e alla possibile premiership di Giorgia Meloni: “Faremo l’interesse del Paese. Se fa cose giuste noi siamo con la Meloni, se sbaglia saremo contro la Meloni. Mi sembra molto giusto per il voto degli italiani, se sono bravi andranno avanti sennò falliranno“.


Fonte originale: Leggi ora la fonte