Emorragia M5s, per Grillo sono addii ‘degli zombie’

Ago 1, 2022

Condividi l'articolo

Per il M5s le ultime settimane di legislatura sono caratterizzate da un’emorragia costante di parlamentari . Ogni giorno arriva l’annuncio di un abbandono. Gli ultimi addii sono avvenuti a Montecitorio: hanno lasciato Niccolò Invidia e Federica Dieni. E Beppe Grillo attacca sul blog: “sono tutti “zombie”. Il fondatore Cinque Stelle ha ‘assemblato’ e postato su Facebook l’immagine di un album di figurine, con in copertina i visi di Luigi Di Maio, Davide Crippa e Laura Castelli trasfigurati a mo’ di zombie. Accanto, ha pubblicato le foto (normali) dei transfughi: da Vincenzo Spadafora a Carla Ruocco, da Lucia Azzolina a Pierpaolo Sileri.

In tutto, una settantina di figurine. Come frase di accompagnamento, o meglio di (finto) lancio, il fondatore ha scritto: “Da oggi in tutte le edicole”. Nel mirino di Grillo non ci sono solo gli ultimi fuoriusciti, come Federico D’Incà e Alessandra Carbonaro, o la truppa di Luigi Di Maio, ma anche chi ha preso altre strade da tempo, come Emilio Carelli, uscito dal M5s nel febbraio 2021 e da metà luglio confluito nel gruppo di Di Maio.

Il ministro degli Esteri, in mattinata ha presentato nome e simbolo della lista con cui correrà alle elezioni: un’ape con la scritta ‘Impegno civico. Di Maio’. La formazione sembra orientata a un’alleanza con il Pd. Anche Crippa e D’Incà, insieme all’ultimo uscito Invidia, hanno presentato la loro associazione, ‘Ambiente 2050′, anche questa schierata nel campo progressista. “E’ da tempo che le decisioni che vengono prese dai vertici – ha scritto la deputata Dieni per motivare l’addio al M5s – non mi appartengono più. In qualunque modo la si voglia giustificare, la realtà è che il MoVimento 5 Stelle non esiste più”.Nello scacchiere delle alleanze, gli ex 5 stelle sono tendenzialmente orientati ad alleanze di centrosinistra. Il M5s di Giuseppe Conte sta invece preparando la corsa in solitaria.


Fonte originale: Leggi ora la fonte