• Energia: la ricetta di Telese Terme, spegnere un lampione su due

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – TELESE TERME (BENEVENTO), 22 NOV – Spegnere un
    lampione su due e risparmiare così qualcosa come 300mila euro.
        Non poco per un comune di circa settemila abitanti, come Telese
    Terme, nel Beneventano.
        In una nota si legge che “è in via di ultimazione la
    sperimentazione attuata dal Comune per ridurre i consumi
    energetici. In seguito a un incontro tra il sindaco e i
    rappresentanti delle forze dell’ordine ad ottobre scorso, si era
    stabilito di ridurre i tempi di accensione della pubblica
    illuminazione e di avviare una fase sperimentale in alcune parti
    della città, consistente nello spegnimento di un lampione su
    due”. E i risultati “sono sicuramente positivi. E’ stato
    calcolato dagli uffici preposti, infatti, che a fronte di un
    costo di circa 600 mila euro annui, gravanti sulle casse
    comunali per consumi energetici, si riuscirà ad ottenere un
    risparmio di circa il 50% grazie allo spegnimento di parte della
    pubblica illuminazione (un lampione acceso e uno spento) e
    posticipando di un’ora l’accensione degli impianti spegnendoli,
    poi, un’ora prima dell’orario canonico. Ulteriore risparmio si
    otterrà grazie alla progressiva sostituzione, già iniziata,
    delle lampade dei circa 3mila punti luci sul territorio telesino
    con luci led”.
        “Si pensi che per il solo mese di settembre 2022 abbiamo
    ricevuto una bolletta di circa 70 mila euro – spiega il sindaco
    Giovanni Caporaso -. Dunque si rendeva necessario un intervento
    rapido e capace di portarci un risparmio immediato evitando
    ricadute spiacevoli sui contribuenti. Se da un lato può esserci
    qualche piccolo disagio – conclude il primo cittadino –
    dall’altro siamo certi che la comunità apprezzerà questa
    operazione considerando poi che non appena il mercato energetico
    ce lo consentirà tutto ritornerà come prima”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte