• Europa League: Roma ritorno amaro in Europa, ko col Ludogorets 2-1

    Condividi l'articolo

    Roma beffata in Bulgaria. Il ritorno in Europa, dopo il successo in Conference League dello scorso anno, lo immaginavano diverso a Trigoria. Contro il Ludogorets, infatti, finisce 2-1 per i padroni di casa con la partita che si infiamma negli ultimi 20 minuti del match. La rete dell’1-1 di Shomurodov illude solamente i giallorossi ed è una cura temporanea al gol di Cauly che sblocca la partita. A farla da padrone ancora le amnesie difensive che costano caro alla Roma e portano al contro sorpasso dei bulgari grazie alla marcatura di Nonato nel finale. (la cronaca)

    I risultati delle partite delle ore 18,45, valide per la prima giornata dell’Europa League.
    Zurigo-Arsenal 1-2
    PSV Eindhoven-Bodoe Glimt 1-1
    AEK Larnaca-Stade Rennais 1-2
    Fenerbahce-Dinamo Kiev 2-1
    Ludogorets-ROMA 2-1
    HJK Helsinki-Betis Siviglia 0-2
    Malmoe-Sporting Braga 0-2
    Union Berlino-Union St.Gilloise 0-1  

    SHOMURODOV ILLUDE LA ROMA

    Dunque seconda sconfitta consecutiva, dopo quella di Udine, per i giallorossi che in Europa League si presentano con tanti infortunati. Le assenze, però, non vietano a Mourinho di mandare in campo un tandem offensivo che sblocca subito i ricordi dei tifosi siciliani. Dal primo minuto giocano Dybala e Belotti, l’ultima partita insieme risale a quella del 6 dicembre 2014, era un Torino-Palermo di Serie A che finì 2-2 con tanto di gol della Joya. Niente rete questa sera per l’argentino, di certo non aiutato da un terreno di gioco non all’altezza dell’Europa League. Rimbalzo irregolare, appoggi mancati: Roma e Ludogorets faticano a gestire il pallone e anche la partita stenta a decollare nonostante la prima occasione arrivi dopo 4 minuti con Despodov, la cui conclusione resta a metà tra un tiro e un cross. Alla mezzora esce la Roma e le occasioni migliori arrivano da calcio piazzato. Prima Pellegrini prova il tap in ravvicinato, ma è bravo Padt a salvare. Subito dopo è Mancini a sfiorare il gol di testa da calcio d’angolo, battuto dal capitano giallorosso. Solo il palo salva il Ludogorets che riesce comunque ad andare all’intervallo sul parziale di 0-0. Al rientro in campo non ci sono cambi, ma la partita riparte così come si era conclusa e dunque con la Roma pericolosa sull’asse Dybala-Pellegrini. E dopo un minuto l’argentino inventa per il capitano giallorosso che davanti a Padt opta per il pallonetto, ma calciando fuori. Al 70′, però, la doccia fredda, con l’1-0 di Cauly, bravo a sfruttare l’amnesia difensiva della coppia Mancini-Smalling. Lo Special One, sotto di un gol, prova a ribaltarla passando a 4 in difesa e inserendo Volpato, Bove e Camara, ma a rimettere la partita sui binari giusti è Shomurodov, bravo nello sfruttare di testa l’assist di Pellegrini per la rete dell’1-1. Il gol dell’uzbeko, entrato poco prima, però non basta, perché i reparti si sfaldano ed è Nonato, anche lui entrato dalla panchina, a trovare il gol del 2-1 che condanna i giallorossi alla sconfitta. Il girone C d’Europa League inizia in salita per la Roma che i problemi di gol non li ha ancora risolti da inizio campionato, ma ora sembra aver aggiunto anche un’instabilità difensiva che preoccupa Mourinho.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte