Faccia a faccia tra Biden e Xi: ecco cosa è successo

Nov 16, 2021

  • Condividi l'articolo

    Il tanto atteso incontro virtuale in teleconferenza tra Biden e Xi Jinping si è concluso senza eccessive tensioni ma nemmeno con un clima disteso come si sperava. Come abbiamo scritto sul Giornale.it, le prove tecniche di disgelo non sono andate in porto del tutto e molte cose decise e risolute, tra i due Capi di Stato, sono stata dette.

    Il tema su Taiwan

    Il vertice, durato più del previsto (i funzionari hanno affermato circa tre ore e mezza) ha visto come tema principale quello riguardande Taiwan, l’isola che la Cina considera una provincia dissidente tant’é che Xi ha ribato il ricorso “a misure decise” se le forze indipendentiste di Taiwan supereranno “la linea rossa. Il principio una sola Cina e i tre comunicati congiunti Cina-Usa sono le basi politiche delle relazioni tra Stati Uniti e Cina“, ha detto Xi, ricordando gli impegni chiari delle amministrazioni precedenti su questo tema. Taiwan fa parte delle Cina ed il governo della Repubblica popolare cinese è l’unico governo legale che rappresenta la Cina. “Abbiamo pazienza – ha continuato Xi, sottolineando che la riunificazione con Taiwan è condivisa da tutti i figli e le figlie della nazione cinese – lavoriamo per la prospettiva di una riunificazione pacifica con la massima sincerità ed il massimo sforzo. Detto questo, se le forze separatiste per ‘l’indipendenza di Taiwan’ ci provocheranno, forzeranno la nostra mano o anche attraverseranno la linea rossa, saremo costretti a prendere misure decise“, riporta AdnKronos.

    La risposta di Biden

    La Casa Bianca ha fatto sapere che, da parte di Biden, è stato chiesto alla controparte cinese di rispettare gli impegni presi nell’accordo sul commercio siglato lo scorso anno chiarendo la necessità di proteggere i lavoratori e le industrie statunitensi da quelle che sono considerate “le pratiche economiche e commerciali sleali” di Pechino. Secondo l’agenzia Xinhua, Xi Jimping avrebbe replicato che i temi del commercio bilaterale non vanno politicizzati e che gli Stati Uniti dovrebbero smettere di “sopprimere le imprese cinesi guardate solo attraverso le lenti della sicurezza nazionale“. La Cina avrebbe poi fatto un’apertura sulle possibilità di ingresso nel Paese degli imprenditori Usa durante questo periodo di pandemia per promuovere gli scambi commerciali bilaterali ed aiutare la ripresa economica di entrambi.

    Gli altri temi sul tavolo

    Joe Biden e Xi Jinping “hanno anche discusso delle principali sfide regionali, tra cui Corea del Nord, Afghanistan e Iran” ha riferito la Casa Bianca in una nota diffusa al termine del loro incontro in videoconferenza, durante il quale hanno parlato del “modo in cui le due parti continueranno le loro discussioni su molti temi, con il presidente americano che ha sottolineato l’importanza di colloqui concreti e di sostanza“.

    Sul tema degli interessi in comune tra i due Paesi, i due Capi di Stato avrebbero parlato delle aree in cui gli interessi sono allineati ed altri in cui “valori e prospettive divergono”. Bide avrebbe accolto con favore “l’opportunità di parlare in modo franco e diretto con il presidente Xi” sulle intenzioni e priorità americane sottolineando che gli Stati Uniti continueranno a difendere i loro interessi e valori avanzando verso “un sistema internazionale che sia libero, aperto ed equo“.

    Il dibattito sul clima

    Non poteva mancare una chiacchierata sul clima, tema caldo delle ultime settimane che ha visto la Conferenza Climatica delle Nazioni Unite andata in scena a Glasgow: secondo quanto riportato dalle agenzie, il presidente americano Joe Biden ha sollevato il nodo di “specifiche sfide internazionali” discutendo sulla crisi climatica e dell’importante ruolo che giocano Stati Uniti e Repubblica popolare cinese. Infine, come riportato dalla Cnn, sul Covid-19 Biden ha riaffermato l’importanza della trasparenza nella prevenzione di futuri focolai di malattie lanciando la frecciata al collega Xi a sulla riluttanza della Cina a consentire un’indagine internazionale sulle origini dell’attuale pandemia.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Beni archeologici:Cc sequestrano 11mila reperti,una denuncia

    Beni archeologici:Cc sequestrano 11mila reperti,una denuncia

    (ANSA) - PALERMO, 27 NOV - Oltre 11 mila reperti archeologici provento di scavi clandestini sono stati sequestrati da carabinieri del nucleo per la Tutela del patrimonio culturale (Tpc) di Palermo, in collaborazione con la sezione di Siracusa e la compagnia di Santo...

    Green pass falsi su Telegram, scoperti autori truffa

    Green pass falsi su Telegram, scoperti autori truffa

    (ANSA) - ROMA, 27 NOV - Proponevano sulle chat di Telegram green pass perfettamente funzionanti, in vendita a cento euro l'uno. La truffa è stata scoperta dal Nucleo speciale tutela privacy e frodi tecnologiche della Guardia di Finanza in un'indagine coordinata dalla...