False fatture con società cartiere, 6 indagati in 3 province

Nov 17, 2021

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – REGGIO EMILIA, 17 NOV – Emettevano fatture false
    grazie a società di comodo tra Reggio Emilia, Parma e Crotone.
        Il giro illecito è stato scoperto dai carabinieri e guardia
    dalla finanza dei comandi provinciali locali che hanno
    recapitato gli avvisi di garanzia a sei persone finite nel
    registro degli indagati della Procura Reggiana.
        La maxi-operazione è scattata all’alba con 80 militari del
    nucleo di polizia economico-finanziaria delle Fiamme Gialle e
    del reparto operativo nucleo investigativo dell’Arma che hanno
    effettuato numerose perquisizioni in sei dimore private –
    appartenenti agli amministratori di fatto e di coloro
    considerati ‘prestanome’ dagli inquirenti delle società
    cosiddette ‘cartiere’ prevalentemente di origini calabresi – ma
    anche in dieci tra sedi legali e unità locali di aziende
    perlopiù operanti nel settore edile e dell’autonoleggio, oltre a
    tre studi professionali reggiani.
        È stata sequestrata un’ingente mole di materiale informatico
    che sarà analizzato da consulenti tecnici nominati dal
    magistrato, ma anche documentazione contabile ed extracontabile
    ritenuta utile alle indagini. Inoltre grazie all’ausilio di due
    unità cinofile cosiddette “cashdog” della Guardia di Finanza, è
    stato trovato denaro contante che secondo gli investigatori è
    provento dell’attività illecita. Il sostituto procuratore
    dell’inchiesta – nata originariamente per reati contro la
    persona – ipotizza tra i vari reati, la frode fiscale mediante
    utilizzo di fatture per operazione inesistenti. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte