Ferrario, vinciamo il maschilismo che è in noi

 – TIZIANA FERRARIO, UOMINI E’ ORA DI GIOCARE SENZA FALLI!” (chiarelettere, pag. 243, Euro 16,00).
    ”Il maschilismo dei politici è trasversale, è ovunque, soprattutto a sinistra”. Parola di Tiziana Ferrario che al tema ha dedicato un saggio, ”Uomini è ora di giocare senza falli!”, un divertente quanto serissimo excursus che mette tutti davanti alla domanda: ”sono o non sono maschilista?”. In una società come quella italiana in cui ”la parola femminista viene vissuta anche con una carica negativa”. Perchè la discriminazione di genere – spiega la giornalista e conduttrice Rai – è nascosta negli angoli più insospettabili dei nostri comportamenti, di uomini e donne. E comunque Ferrario parte dal presupposto che la nostra è fondamentalmente una società maschilista con alcune eccezioni, ”Gli uomini nuovi” di cui lei disegna il ritratto o che fa parlare, da Obama al Papa, da Vecchioni (”mi definirei un femminofilo non un femminista”) ad Achille Lauro, da Stefano Ciccone a Riccardo Iacona. Ai conduttori del resto è dedicato un capitolo a parte dove chiede ai suoi colleghi: ”Possibile non vi rendiate conto che non si può continuare a trasmettere in tv un’immagine di disparità tra uomo e donna, come avete sempre fatto e purtroppo state facendo tuttora?” Ma parliamo ancora di politica. ”A sinistra i politici sono narcisi e litigiosi – dice ancora Tiziana Ferrario – e tendono molto a mettere in ombra le donne. Ma ci sono anche le donne maschiliste, che si possono individuare da alcuni indizi”.
    Spiega anzi Ferrario, ”che anche nel mondo omosessuale, dove generalmente si pensa che non ci sia, in realtà il maschilismo esiste. Nel libro ho voluto parlare con uomini molto diversi, spesso inconsapevoli di essere maschilisti”.
    Del resto nel volume ci sono una serie di utili test alla fine di alcuni dei capitoli che aiutano ad esempio a capire se siete una donna maschilista, se siete un uomo che si comporta scorrettamente, se siete una famiglia che sta crescendo figli nel modo corretto o no. ”E’ un libro da leggere in coppia direi – aggiunge – perchè faccio a più riprese considerazioni di coppia”. Forse l’idea gli è venuta leggendo ”il New York Times che metteva esercizi per capire come essere un uomo bravo, o essere un vero uomo”, racconta. ”Essere femminista – spiega ancora la giornalista – è credere nelle stesse opportunità per tutti”. E dall’esperienza americana (”Trump è il maestro del maschilismo planetario”) .viene ad esempio l’ispirazione legata ad Obama: ”sono stata in America negli anni della sua presidenza e devo dire che è veramente un gradissimo oratore. Ma la sua azione va aldilà delle parole, ad esempio nel modo in cui si comporta con la moglie e le figlie. Qui ho ripreso un suo scritto in cui spiega perchè un uomo deve essere femminista e crescere le proprie figlie con una grande consapevolezza dei loro diritti. Non ho mai sentito in Italia un politico dire cose del genere”. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte