Figlio direttore tpl guida bus senza patente, caso in Comune

Apr 29, 2022

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – TORINO, 29 APR – Arriva in Consiglio comunale, a
    Torino, il caso del figlio diciottenne del direttore generale di
    Gtt, l’azienda del trasporto pubblico locale, che si è messo
    alla guida di un bus senza patente postando il video sui social.
        In apertura della seduta odierna, la capogruppo di FdI Paola
    Ambrogio ha chiesto un approfondimento della vicenda.
        “Sembra sia già stato assunto un provvedimento di sospensione
    – ha ricordato – che potrebbe portare al licenziamento di una
    dipendente”, l’autista che ha concesso al ragazzo di fare un
    giro alla guida dell’autobus, che era senza passeggeri. “I
    destini delle persone coinvolte siano comuni e non sia solo la
    dipendente, ma anche i ruoli apicali eventualmente, a rispondere
    in egual misura se saranno accertate le dinamiche”, ha aggiunto
    l’esponente di FdI.
        “Le colpe dei figli non ricadano sui padri, ognuno è
    responsabile dei propri atti” ha ribattuto il capogruppo della
    Lista Civica per Torino Silvio Viale ricordando, senza
    nominarlo, il precedente del caso del figlio dell’allora
    ministro Matteo Salvini. “Le colpe dei figli non ricadano sui
    padri ma le responsabilità sì, chi sbaglia paga
    indipendentemente da ruolo e appartenenza politica – ha
    replicato il vicecapogruppo della Lega Giuseppe Catizone -. Non
    vorrei che alla fine pagasse sempre solo l’ultima ruota del
    carro”.
        “Aspettiamo con attenzione il Cda di questo pomeriggio – ha
    aggiunto la capogruppo Pd, Nadia Conticelli – soprattutto per
    ristabilire l’onore di questa azienda che rappresenta la Città e
    immeritatamente viene trascinata in questa brutta vicenda”. “La
    bravata di un ragazzino di 18 anni non la deve pagare il papà o
    qualcun altro ma è giusto accertare le responsabilità”, ha
    concluso il vicepresidente del Consiglio Domenico Garcea (FI)
    ricordando che è imminente il rinnovo dei vertici dell’azienda.
        (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Quelle sanzioni (necessarie) e il rischio boomerang in casa

    Quelle sanzioni (necessarie) e il rischio boomerang in casa

    Aumenti, aumenti ovunque. La giornata tipo degli italiani è diventata una via crucis, che comincia con una tazzina di caffè strapagata al bar fino a quando si spegne la luce prima di dormire, magari un po' prima del solito perché con certe bollette in arrivo... Lo...

    Pensioni, per Draghi grana Quota 41

    Pensioni, per Draghi grana Quota 41

    «Il ministro Orlando riapra subito il tavolo politico per cambiare il sistema pensionistico. Dobbiamo riprenderlo, basta con i tavoli tecnici». Luigi Sbarra, ieri confermato segretario generale della Cisl dal congresso del sindacato, ha ribadito la volontà di iniziare...