Fiori giallorossi e musica dei Metallica per l’addio a Fabio

Giu 15, 2022

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – FERMIGNANO, 15 GIU – L’addio a Fabio Ridolfi oggi
    pomeriggio, con centinaia di persone commosse che hanno voluto
    salutarlo per l’ultima volta nella cattedrale di Fermignano
    (Pesaro Urbino). Fabio, 46 anni, da 18 immobilizzato a letto per
    una tetraparesi, e che comunicava solo attraverso un puntatore
    oculare, è morto l’altro ieri dopo sedazione profonda come
    richiesto da lui dopo i ritardi accumulati sulle modalità e il
    farmaco da utilizzare per il suicidio medicalmente assistito, la
    procedura che avrebbe da tempo voluto percorrere.
        Fiori giallorossi, quelli dell’amata Roma, sono stati sparsi
    sulla bara così come è stata distesa la sciarpa della squadra
    del cuore, accompagnate dalle note dei Metallica, il gruppo
    musicale che seguiva da sempre. La sua famiglia, dai genitori al
    fratello Andrea e alla sorella Simona, hanno ricevuto
    l’abbraccio di tutti. Per il fratello, “Fabio ha vinto la sua
    battaglia”. Era presente anche Marco Cappato, dell’associazione
    Luca Coscioni, che ha seguito Fabio nel suo desiderio di
    concludere le proprie sofferenze con la sedazione e
    l’interruzione di nutrizione e idratazione: “Fabio ha sofferto
    ancora di più con la sedazione e questo non deve più accadere.
        Lo Stato deve dare delle risposte”.
        Dopo la cerimonia religiosa, la salma è partita salutata da
    applausi di quanti gli hanno voluto bene per il cimitero di Fano
    dove avverrà la cremazione. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Ucraina: media, attacco missilistico su Kiev

    Ucraina: media, attacco missilistico su Kiev

    Alcune esplosioni sono state sentite all'alba a Kiev. Lo riferisce il Kiev Independent, che parla di tre deflagrazioni. Secondo quanto riportato sui social le esplosioni sarebbero state più numerose, almeno quattro, e sono state causate da missili da crociera russi:...

    Ora il reddito 5s non ha più padrini

    Ora il reddito 5s non ha più padrini

    Voglia questa corte giudicare se l'imputato è colpevole di non aver svolto il compito che gli è stato assegnato, anzi di aver causato più danni che benefici, fino ad essere ritenuto il principale responsabile dell'immobilismo nel mercato del lavoro. Alla sbarra c'è il...