• Fondi russi, il Copasir: “Nessun partito italiano”

    Condividi l'articolo

    “Al momento non esistono notizie che riguardano il nostro Paese in questo dossier”. Le parole del presidente del Copasir, Adolfo Urso, colpiscono come un macigno le accuse nei confronti di alcuni partiti italiani accusati di essere legati a doppio filo a Mosca.

    Il presidente del Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica, parlando alla trasmissione “Agorà” in onda su Rai 3 del dossier statunitense riguardante i finanziamenti dati dalla Russia a esponenti politici e partiti dal 2014, ha mandato un messaggio molto chiaro: “Mi sono confrontato con il sottosegretario con delega ai servizi segreti, Franco Gabrielli” e “al momento al governo è stato escluso che l’Italia compaia in questo dossier”. Dichiarazioni che non lasciano spazio a interpretazioni e che dunque confermerebbero che al momento le accuse nei confronti di partiti italiani risulterebbero frutto di altre ipotesi non affatto collegate alle inchieste dei servizi segreti statunitensi.

    Le parole di Urso, che fa riferimento ai vertici di servizi segreti italiani, rispondono anche alle accuse rivolte dall’ex ambasciatore Usa Kurt Volker, che in un articolo di Repubblica sottolinea come i partiti del centrodestra, in particolare ora Fratelli d’Italia, sarebbero affini alla Russia. Le parole di Volker, abbastanza sorprendenti dal momento che non appaiono verificate in alcun modo, sono state rispedite al mittente da parte della stessa leader di Fdi, Giorgia Meloni, che a Radio 24 ha annunciato di voler querelare Repubblica e l’ex ambasciatore per quanto detto sui finanziamenti nei confronti del suo partito. “Sono tutte verificabili le nostre forme di finanziamento. Sono certa che Fratelli d’Italia non prende soldi da stranieri”, ha detto Meloni, “Repubblica e Volker ci portino le prove. Siccome non ci sono penso che la querela sia inevitabile”.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte