FT, ‘Draghi sarebbe più utile all’Italia al Quirinale’

Dic 20, 2021

  • Condividi l'articolo

    Mario Draghi al Quirinale sarebbe una “soluzione imperfetta” ma la migliore possibile per l’Italia. Ne è convinto Bill Emmott, ex direttore dell’Economist e osservatore della politica italiana, che spiega oggi la sua teoria nella sezione opinioni del Financial Times.
        Secondo Emmott infatti, in un una sorta di ‘mondo ideale’ dove esistono le “soluzioni perfette”, Draghi rimarrebbe alla guida del governo italiano per i cinque anni necessari a completare il Pnrr che ha lui stesso introdotto lo scorso febbraio. Non essendo ciò verosimile, “la migliore soluzione imperfetta” è che venga eletto presidente della Repubblica. Non fosse altro, secondo l’autore, che per quella ‘tregua’ in corso fra i partiti della coalizione di governo, con solo Fratelli d’Italia all’opposizione, destinata però a nor reggere oltre sei mesi, una volta partita la “febbre elettorale”.
        In definitiva Emmott sottolinea che “ciò di cui c’è bisogno è che l’equilibrio nella politica italiana penda più verso l’implementazione di lungo periodo delle riforme, in modo che tengano anche con futuri governi” e che in sostanza Draghi sarebbe più utile a supervisionare e garantire tale processo, dal Quirinale.
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte