Gb: deputata Labour in aula con il bebè, sfida con Rees-Mogg

Set 23, 2021

  • Condividi l'articolo

    La deputata laburista britannica e neo-mamma Stella Creasy ha preso posto ai Comuni col suo bebè ben stretto al petto per mostrare ai colleghi quanto sia difficile per una madre presenziare alle sedute e una volta intervenuta ha avviato un botta e risposta col conservatore Jacob Rees-Mogg, Leader of the House nella camera bassa di Westminster, nonchè padre di sei figli.

    “So che alcuni in questo posto non sono fan delle madri nella madre di tutti i parlamenti – ha affermato con una certa ironia Creasy per poi rivolgersi direttamente a Rees-Mogg – ma sono sicura che lei non è tra loro, e quindi vuole incontrare una delegazione interpartitica per vedere come possiamo assicurarci che tutti in questo Parlamento rispettino la legge sulla maternità e sul congedo parentale?”.
       

    La deputata rivendica infatti diritti e tutele garantiti nel Regno Unito a tutti i dipendenti, in particolare per quanto riguarda il ritorno al lavoro delle neo-madri.
       

      Dal canto suo, Rees-Mogg, oltre a pronunciare parole di apprezzamento per il figlio della deputata per il suo “comportamento impeccabile”, ha precisato che a suo avviso “le regole attuali sono perfettamente ragionevoli e del tutto in linea con la legge”.
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Ruby ter: processo siena, Berlusconi e il pianista assolti

    Ruby ter: processo siena, Berlusconi e il pianista assolti

    Silvio Berlusconi e il pianista di Arcore Danilo Mariani assolti perchè il fatto non sussiste al processo Ruby ter a Siena dove erano imputati per corruzione in atti giudiziari. Questa la sentenza del tribunale dopo circa un'ora di camera di...

    ‘Quasi nemici’, il racconto delle rivalità del ciclismo

    ‘Quasi nemici’, il racconto delle rivalità del ciclismo

    MILANO - Un libro sul ciclismo che lascia lo sport sullo sfondo e parla di uomini, delle loro vicende private, piccole e grandi, e della storia di un Paese che il ciclismo ama perché è un tratto della sua cultura, della sua identità: questo è "Quasi nemici", di Dario...