Gb: Johnson operato di adenoidi in anestesia generale

Giu 20, 2022

  • Condividi l'articolo

    Il primo ministro conservatore britannico, Boris Johnson, è stato operato stamattina in anestesia generale alla cavità nasale in un ospedale di Londra. Lo ha annunciato a intervento terminato Downing Street, precisando che si è trattato di “un’operazione minore di routine” e lasciando intendere che tutto è andato bene.
        Johnson, al centro di turbolenze politiche interne negli ultimi mesi, ma anche protagonista di primo piano della linea della fermezza contro l’invasione russa dell’Ucraina in seno al fronte occidentale degli alleati Nato, è stato reduce giusto venerdì scorso di una visita a Kiev durante la quale ha incontrato per la seconda volta di persona dall’inizio della guerra “l’amico” presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Durante l’anestesia – come nel periodo del suo ricovero in terapia intensiva per Covid, avvenuto nei primi mesi dalla pandemia, nella primavera del 2020 – le funzioni di capo del governo sono passata al numero due formale della compagine Tory, l’attuale vicepremier Dominic Raab. 

       L’intervento è iniziato alle 6 del mattino, ha spiegato una portavoce del premier nel briefing di giornata, e “poco dopo le 10” locali (le 11 in Italia) Johnson era già potuto rientrare nella sua residenza a Downing Street. Al momento BoJo è a riposo per riprendersi dai postumi dell’anestesia e che l’intervento era in programma “da qualche tempo”. L’agenzia PA riporta intanto che l’operazione non risulta avere a che fare con il suo contagio da Covid-19 di due anni fa o con ipotetiche conseguenze ad esso legate. La portavoce, rispondendo a una domanda specifica dei giornalisti sulla durata del passaggio di consegne (in particolare per ciò che riguarda il controllo del deterrente nucleare britannico), si è limitata a precisare che il vicepremier Raab era stato informato in anticipo assieme al segretario generale di Downing Street, Simon Case, dell’imminente assenza di Johnson prevista per “un periodo di tempo relativamente breve”. Ha aggiunto che le funzioni vicarie scattano in casi del genere a partire da 24 ore prima del ricovero, ma di non essere informata del fatto che in pratica Raab abbia dovuto subentrare finora in questo frangente in compiti sensibili.
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Ong denunciano: almeno 27 i morti nell’assalto a Melilla

    Ong denunciano: almeno 27 i morti nell’assalto a Melilla

    Sarebbero almeno 27 e non 18, come annunciato ufficialmente, i migranti morti ieri nella calca nel tentativo di entrare nell'enclave spagnola di Melilla. La denuncia è di due ong: la spagnola Caminando Fronteras, e l'Associazione Marocchina dei diritti umani, secondo...