• Gb: scandalo fiscale, monta la pressione per le dimissioni di Zahawi

    Condividi l'articolo

       Non si spengono le polemiche sullo scandalo fiscale che minaccia il ministro britannico Nadhim Zahawi, membro del consiglio di Gabinetto e presidente del Partito Conservatore, imbarazzando il neo premier Rishi Sunak dopo le numerose vicende analoghe abbattutesi sui governi dei suoi predecessori. Una prima richiesta di dimissioni è arrivata oggi anche dall’interno del gruppo parlamentare Tory, per bocca di Caroline Nokes, ex viceministra e voce dell’opposizione interna da diversi anni, che ha sollecitato il compagno di partito a “farsi da parte”, almeno sino alla conclusione dell’inchiesta interna annunciata ieri da Sunak sul caso.

        Per ora il primo ministro sembra in realtà voler prendere tempo e attendere il risultato di questa verifica, ma la polemica sui media e a Westminster resta accesa e non si possono escludere accelerazioni. Mentre l’opposizione laburista di Keir Starmer cavalca l’affaire, non senza insistere nello sfidare Sunak a “silurare” il ministro hic et nunc. Intanto un sondaggio-spot realizzato da YouGov, colosso demoscopico co-fondato dal medesimo Zahawi prima del suo ingresso in politica, accredita oggi una maggioranza di britannici favorevole alle dimissioni.

        Nadhim Zahawi, 55enne rifugiato curdo-iracheno divenuto nel Regno un facoltoso uomo d’affari prima di entrare in politica, è accusato d’aver cercato di nascondere una disputa sulle tasse – pur senza accuse formali di reati d’evasione – con l’agenzia delle entrate relativa a suoi passati redditi di business.  Disputa risolta infine con una transazione e il pagamento di 5 milioni di sterline fra arretrati contestatati e penale, secondo quanto svelato ora dai media, al termine di un negoziato definito mentre lo stesso ministro ricopriva il ruolo di cancelliere dello Scacchiere (titolare del Tesoro, delle Finanze e della politica fiscale) sotto l’allora premier dimissionario Boris Johnson. 


    Fonte originale: Leggi ora la fonte