Gb: seconda giornata di sciopero, 80% dei treni fermi

Giu 23, 2022

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – LONDRA, 23 GIU – Seconda giornata di paralisi quasi
    totale dei treni per milioni di passeggeri nel Regno Unito nel
    quadro del mega sciopero del comparto ferroviario, il più vasto
    da 30 anni sull’isola, proclamato dai sindacati questa settimana
    nel quadro di una vertenza su aumento dei salari, esuberi e
    condizioni di lavoro che vede i lavoratori contrapposti sia alle
    aziende del settore sia al governo Tory di Boris Johnson.
        La protesta – animata dalla figura emergente del leader
    sindacale Mick Lynch – resta articolata su 3 giorni di
    astensione dal lavoro alternati (martedì, oggi e sabato), dopo
    il fallimento dei nuovi colloqui negoziali di ieri, in modo da
    massimizzarne l’impatto. La giornata odierna prevede lo stop
    dalle 7,30 alle 18,30 e la partecipazione è già confermata ad
    altissimi livelli: con una media di circa l’80% dei treni
    cancellati in Inghilterra, Galles e Scozia, secondo le ultime
    indicazioni, come martedì. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Il vescovo ausiliare di Roma: ‘Rischiamo la giungla urbana’

    Il vescovo ausiliare di Roma: ‘Rischiamo la giungla urbana’

    Roma rischia di diventare "una giungla urbana".Lo dice mons. Benoni Ambarus, vescovo ausiliare della città parlando del degrado urbano che richiederebbe da parte delle istituzioni "uno scatto di dignità a fare delle scelte che sappiano di futuro, non di tornata...

    Bce: Enria,banche includano in loro piani ipotesi recessione

    Bce: Enria,banche includano in loro piani ipotesi recessione

    Lo scenario economico europeo "è nettamente cambiato" dall'inizio dell'anno e le banche dovrebbero ora includere nei loro piani sul capitale "scenari sufficientemente conservativi" e scenari con ipotesi "di recessione". E' quanto afferma il responsabile della...