Genovese, porto i miei Perfetti sconosciuti a teatro

Giu 9, 2022

  • Condividi l'articolo

    “Un esordio, in qualunque cosa, regala un’emozione diversa. La prima domanda che ti poni è: sarò in grado di farlo? Quello che seguirà, la distribuzione, il box office, la promozione, non lo conosci. E non ci pensi. Pensi solo che qualcuno ti sta dando la possibilità di raccontare la storia che hai in testa. Tutte le tue energie, paure, entusiasmi sono concentrati su quello. Dalla seconda volta in poi tutto cambierà, semplicemente perché lo hai già fatto. Replicherai, ma cercherai sempre quell’emozione iniziale”. A raccontare è Paolo Genovese, regista e sceneggiatore di successi come Immaturi, Tutta colpa di Freud o Perfetti sconosciuti, film sbanca-botteghino, premiato in Italia con due David di Donatello e tre Nastri d’argento, arrivato fino in Cina ed entrato nel Guinness dei primati per il più alto numero di remake. Ed è proprio con la storia di quella cena fra amici e lo “sconsiderato” gioco di scambiarsi per una sera i cellulari (con tutte le rovinose conseguenze del caso) che ora Genovese torna debuttante per la sua prima regia teatrale.
        Lo spettacolo, prodotto da Nuovo Teatro e Leone Film Group in coproduzione con Teatro della Toscana, è fra i titoli di punta della nuova stagione dell’Ambra Jovinelli di Roma dove Fabrizia Pompilio firma un cartellone intitolato “Make love… and theatre”, proprio, dice, per “tener presente l’attualità, ma anche come invito a riprendere in mano la propria vita e quello che ci piace fare”. In tutto, 18 titoli, da ottobre a fine aprile, con tanta commedia, il nuovo filone legato ai grandi allestimenti con Nuda del visionario Daniele Finzi Pasca e tanti film “prestati” alla scena. Tra i protagonisti, Michele Placido con Goldoni, Emilio Solfrizzi in coppia con Antonio Stornaiolo, Giuliana De Sio con La signora del martedì che Massimo Carlotto sta scrivendo per lei, Sergio Rubini che porta in scena il suo I fratelli De Filippo e poi Ferzan Ozpetek, Filippo Timi, Giuseppe Battiston, Lino Guanciale con Francesco Montanari, Sabina Guzzanti e il ritorno di Serena Dandini (che per dieci anni ha diretto l’Ambra) in Vieni avanti, cretina!.
        “Perfetti sconosciuti”, dopo il debutto il 14 febbraio a Caserta e alcuni mesi di tournée, arriverà dal 12 al 23 aprile, con “un cast completamente diverso dal film e Massimo De Lorenzo tra i protagonisti”. “Al tempo mi hanno chiesto di fare il 2, il 3, una serie, anche il gioco da tavola e un servizio di piatti. Ma sentivo di non aver nulla da dire di più su quella storia”, racconta Genovese, che si accinge anche a “girare per Disney I leoni di Sicilia”, serie tratta dal romanzo di Stefania Auci. “Poi – prosegue – ho visto Perfetti sconosciuti a teatro, di cui avevo scritto l’adattamento, negli altri Paesi, da Buenos Aires a Budapest e Barcellona. Lingue diverse, culture diverse, eppure, sempre la stessa energia. Mi sono emozionato. Ho pensato che forse attraverso il palcoscenico c’era ancora qualcosa da dire. E che in teatro, debuttando come regista, avrei potuto provare nuovamente un brivido”. Ma guai a pensare che fosse già un film “teatrale”. “Sì, si svolge tutto in unico ambiente, ma il cinema è profondamente diverso – spiega Genovese -. In un film il regista ti costringe a vedere quello che vuole lui, con un primo piano stretto, il dettaglio di una mano. In teatro è lo spettatore dalla platea che sceglie. E poi – aggiunge – nel film c’era un’idea di regia molto chiara: volevo che lo spettatore si sentisse parte di quella cena. Non a caso i protagonisti erano sette. Volevo un posto vuoto, come se il pubblico fosse l’ottavo invitato. Il teatro ti permette di avere 300 spettatori, veramente seduti, per una sera. Ecco, far sedere gli spettatori alla tavola di Perfetti sconosciuti: questa è l’esperienza più interessante e diversa dal cinema”. (ANSA).
       
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Mondiali sincro: bis d’oro Minisini-Ruggiero

    Mondiali sincro: bis d’oro Minisini-Ruggiero

    Secondo titolo mondiale per il Duo Misto azzurro ai mondiali di nuoto sincronizzato di Budapest. Dopo l'oro nel tecnico lunedì scorso, Giorgio Minisini e Lucrezia Ruggiero, si sono confermati oggi anche nel libero, superando Giappone e Cina. Gli azzurri hanno...

    Gp Olanda: pole di Bagnaia su Ducati, secondo Quartararo

    Gp Olanda: pole di Bagnaia su Ducati, secondo Quartararo

    Francesco Bagnaia partirà in pole position nel Gp d'Olanda, undicesima prova del mondiale MotoGp. Il pilota della Ducati - con il tempo di 1'31''504, nuovo record della pista - ha preceduto il francese Fabio Quartararo (Yamaha) e lo spagnolo Joan Mir su Suzuki....