• Ghirelli, ora calcio e sport equiparati al sistema industriale

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 19 SET – “Grazie al credito d’imposta
    rafforzato presente nel decreto legge ‘aiuti ter’, il calcio e
    lo sport sono stati equiparati al sistema industriale. Questa è
    la prova che fanno parte integrante dell’apparato produttivo
    nazionale. Venerdì scorso il governo ha deciso una misura, che
    al di là del dato importantissimo, finanziario-economico per i
    club, rappresenta un cambio epocale, di cultura sportiva ed
    imprenditoriale per consentire ai club medesimi di sostenere la
    crisi energetica causata in prevalenza dalla guerra scatenata
    dalla Russia contro l’Ucraina”. Così il presidente di lega Pro,
    Francesco Ghirelli, nel suo intervento introduttivo al Master in
    Marketing e Management dello sport nato dalla partnership di
    Lega Pro con la facoltà di Economia, dipartimento di management
    e diritto dell’Università romana di Tor Vergata.
        “La sfida del calcio di Lega Pro è quella di essere capace di
    reggere l’entrata nell’apparato produttivo, cioè dare ‘la
    qualità’ dei dirigenti, quelli che lavorano nei club (da qui il
    Master) ed immettere giovani altamente qualificati nelle società
    . E’ quest’ultima – ha proseguito Ghirelli – la condizione che
    consente di pensare allo sviluppo del Piano strategico
    attraverso il Piano industriale per operare un’accelerazione di
    innovazione, digitalizzazione, intelligenza artificiale, etc.
        Ciò ci consente di essere credibili al fine di affrontare e
    raggiungere l’obiettivo della sostenibilità economica delle
    nostre affiliate”. “Al nuovo governo dobbiamo presentare un
    piano industriale che sia lo strumento della nostra riforma e
    sia la garanzia unica per ottenere interventi. E’ il passaggio
    perché la nostra reputazione cresca e possa consentirci di
    trasformare le rivendicazioni in progetti di cambiamento, e di
    conseguenza, per chiedere risorse finanziarie. Per realizzarli,
    la formazione dei dirigenti è l’asset decisivo”, ha concluso il
    n.1 di Lega Pro. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte