Gianfranco Amato, La linea sottile del tragico

Set 3, 2021

  • Condividi l'articolo

    ROMA – GIANFRANCO AMATO, LA LINEA SOTTILE DEL TRAGICO. IL CONFLITTO TRA ECONOMIA E SALUTE (QuiEdit, pp.90, 12 euro)

    “Due categorie della realtà si affrontano, si corrispondono in una dialettica votata allo scontro: la Salute e l’Economia”: è questo il terreno di indagine del saggio di Gianfranco Amato “La linea sottile del tragico”, edito da QuiEdit. Analizzando la relazione contraddittoria tra la “necessità” della Salute e le “esigenze dell’Economia”, soprattutto alla luce della pandemia degli ultimi due anni, Amato ritrova le radici di questo conflitto in un tempo immemore, in cui si scoprono, pur con modalità diverse e differenti temi, le stesse forme. Molti i temi trattati dall’autore, “Dagli albori della Grecia, alle grandi forme della Tragedia, (nella regione di confine tra Mito e Letteratura); dall’influenza delle religioni (il Cristianesimo in particolare) sul tessuto culturale dell’Occidente. Dalle forme delle rivoluzioni al cambiamento dell’idea di tempo; dalla messa a fuoco del rapporto tra realtà ed interpretazione, alla questione della Verità. La tesi originaria di questo lavoro vuole mostrare l’analogia di alcune forme di allora con quelle dei tempi attuali”, scrive l’autore che affronta ogni tema in capitoli brevi ma molto densi di riferimenti, analisi e riflessioni. 
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte