Giappone: principe Akishino favorevole a nozze figlia Mako

(ANSA) – TOKYO, 30 NOV – Il principe Akishino, fratello
minore dell’Imperatore giapponese Naruhito, si dice favorevole
al matrimonio della figlia primogenita Mako, mettendo fine alle
perplessità sollevate dopo il fidanzamento della principessa
annunciato più di tre anni fa, e il controverso rinvio delle
nozze. Nel corso di una conferenza stampa, in occasione del suo
55/esimo compleanno, Akishino – che è il primo in linea di
successione al trono, ha detto di trovarsi d’accordo con i
propositi di sua figlia e l’ex compagno di università, il
cittadino borghese Kei Komuro.
    “La costituzione stipula che il matrimonio è un sacramento
che si basa esclusivamente sul mutuo consenso tra due persone di
sesso opposto, e i genitori dovrebbero rispettare tale
desiderio”, ha detto Akishino, aggiungendo che la preparazione
dell’evento sarà considerata in un prossimo futuro.
    Nel settembre del 2017 l’Agenzia imperiale aveva annunciato
il fidanzamento ufficiale tra i due giovani, entrambi
ventinovenni, ma successivamente i media giapponesi avevano
raccontato delle difficoltà finanziarie della famiglia e dei
prestiti di dubbia provenienza ottenuti dalla madre di Komuro.
    Pochi mesi dopo, nel febbraio 2018, la stessa principessa Mako,
tramite l’agenzia della Casa reale si era trovata costretta a
rettificare il programma, citando ‘la mancanza di un’adeguata
preparazione per un evento di tale portata’, scusandosi con
l’opinione pubblica. Komuro ha invece deciso di seguire un
percorso di studi negli Stati Uniti per ottenere una
specializzazione in legge.
    Solo di recente, a metà novembre, la Principessa Mako ha
ribadito il suo proposito di convolare a nozze con il giovane
senza però specificare le date. In base alle attuali norme del
trono del Crisantemo – la più antica monarchia ereditaria al
mondo senza aver subito interruzioni, le donne sono escluse
dalla linea di successione, e se sposano un borghese le
principesse perdono anche l’appartenenza alla famiglia
imperiale. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte