Giornata solidarietà, a Banco Alimentare 475 quintali di riso

Dic 20, 2021

Condividi l'articolo

(ANSA) – MILANO, 20 DIC – Settecento quintali di riso,
equivalenti a 780 mila piatti, consegnati al Banco Alimentare
della Lombardia e del Lazio: è la nuova donazione realizzata da
Nespresso in occasione del 20 dicembre, Giornata internazionale
della solidarietà umana. Un aiuto concreto per oltre 300 mila
bisognosi possibile grazie a ‘Da chicco a chicco’, il progetto
di Nespresso per il recupero e il riciclo delle capsule di caffè
in alluminio.
    Nato nel 2001 e oggi attivo in 73 città italiane, il progetto ‘Da chicco a chicco’ ha raggiunto in 10 anni oltre 4.000
quintali di riso donati per oltre 4 milioni di piatti a supporto
di 1.600 strutture caritative ogni anno. A dicembre 2021 ben 475
quintali di riso, pari a 530 mila piatti, proveniente dal
compost realizzato col caffè esausto delle capsule Nespresso
sono stati consegnati al Banco Alimentare della Lombardia,
mentre altri 224 quintali, corrispondenti a 250 mila piatti,
sono andati al Banco Alimentare del Lazio.
    “In questi suoi primi dieci anni di vita, ‘Da Chicco a
Chicco’ ci ha riempiti di orgoglio perché ci ha permesso di
raggiungere risultati importanti e di sostenere realtà a cui ci
sentiamo, anno dopo anno, sempre più vicini. Questo grazie al
prezioso contributo delle consumatrici e dei consumatori che
ogni giorno riportano le capsule usate nelle nostre Boutique o
presso le isole ecologiche partner e che, insieme a noi,
partecipano a questo viaggio per trasformare un chicco di caffè
in un chicco di riso” spiega Chiara Murano, Sustainability & She
Manager di Nespresso Italiana.
    “Il progetto ‘Da Chicco a Chicco’ è un modello virtuoso di
partnership tra profit e non profit, un lavoro insieme che
continua da 10 anni nella condivisione di esperienze, passione e
valori Nespresso per il riso donato, un cibo prezioso ed
inclusivo che si recupera con difficoltà come eccedenza dalla
filiera agroalimentare e che unisce le culture diventando un
cibo per tutti”, sottolinea la responsabile Relazioni esterne e
fundraising del Banco Alimentare della Lombardia, Anna Clerici.
    (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte