Giorni da teatro dell’assurdo, Armaroli racconta Mattarella bis

Giu 14, 2022

  • Condividi l'articolo

    A fine gennaio Montecitorio si è trasformato per alcuni giorni da “teatro della nostra democrazia in teatro dell’assurdo”. Su questo palco è andata in scena la rielezione di Sergio Mattarella al Quirinale, come scrive Paolo Armaroli in “Mattarella 1 & 2. L’ombrello di Draghi. Ritratti a matita dei 12 presidenti”, presentato all’Auletta dei gruppi parlamentari della Camera. Dal punto di vista chi ha vissuto il Parlamento da deputato (di Alleanza nazionale, all’opposizione), da giurista e da giornalista, Armaroli racconta di quando “tutto sembrava perduto”: “A gennaio Mattarella se ne stava per andare, considerava il Quirinale una sorta di gabbia, e il presidente del Consiglio senza il suo ombrello rischiava di essere infilzato dalle bandierine dei partiti. Invece per miracolo sono rimasti entrambi al loro posto”.

    Di quei giorni Armaroli rievoca “molte anomalie” e “episodi singolari se non ridicoli”, dall’astensionismo al “presidente della Camera Fico che mette le mani avanti e legge solo il cognome sulle schede”, da “Salvini che presenta i tre magi” fino “all’apoteosi con l’applauso da stadio dei parlamentari, a Mattarella e a se stessi per lo scampato pericolo”. Fra gli ospiti del dibattito, moderato da Stefano Folli, il deputato dem Stefano Ceccanti ha ricordato che il “partito trasversale che operava per la rielezione pensava che un cambio al Colle significava travolgere anche il governo emergenziale, a cui non c’erano alternative”. D’altro canto, ha aggiunto, non può funzionare per sempre un sistema in cui “si deve fare ricorso al Quirinale perché il circuito Parlamento-Governo non funziona bene”.

    Il Mattarella bis “non è una storia di successo ma una sconfitta per la politica non trovare la sintesi su una personalità alta”, ha sottolineato invece Ginevra Cerrina Feroni, vicepresidente del Garante per la protezione dei dati personali, che ha dato ad Armaroli un suggerimento per un nuovo libro: “Ne servirebbe uno sulla costituzione formale e quella vivente, visto che siamo arrivati a uno scollamento fra la forma e la vita vissuta del diritto costituzionale”.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Basket, Tonut firma con Milano: “Esaudisco un mio sogno”

    Basket, Tonut firma con Milano: “Esaudisco un mio sogno”

    (ANSA) - MILANO, 25 GIU - Stefano Tonut è un nuovo giocatore dell'Olimpia Milano. L'azzurro, 28 anni, ha firmato un contratto di due anni con i campioni d'Italia che avevano cercato di strapparlo a Venezia già la scorsa estate. "Sono molto felice ed emozionato - le...

    Trasporto aereo: oggi stop piloti e assistenti volo low cost

    Trasporto aereo: oggi stop piloti e assistenti volo low cost

    Giornata difficile oggi per chi vola con le compagnie low cost. I piloti e gli assistenti di volo di Easyjet e Volotea, ma anche di Ryanair, Malta Air e la società CrewLink che gravita sempre nell'orbita del vettore irlandese, incrociano le braccia per 24 ore, con il...