Giustizia. Caso Perugia, Morrone (Lega): Resa al relativismo?

Nov 19, 2021

  • Condividi l'articolo
    “Siamo alla sottomissione? Siamo in un Paese dove Costituzione, diritti e libertà valgono per qualcuno e per altri no? Siamo in un Paese dove ci sono donne maltrattate di serie A e di serie B? Secondo l’incredibile richiesta di archiviazione da parte del Pm al Gip di Perugia, riferita dai media, sembra di sì. A questo punto ci chiediamo se sia questo il malcompreso significato dell’integrazione all’italiana”. Così in una nota il parlamentare della lega Jacopo Morrone commenta l’accaduto “che nei fatti legittima le limitazioni alla libertà e alla dignità di una donna, oltretutto maltrattata, perché inserite in un ‘contesto culturale’ islamico. Siamo all’apoteosi del relativismo, ovvero di quella patologia che sta destabilizzando i pilastri più importanti della nostra civiltà anche giuridica. Non ci stancheremo di ripeterlo: il multiculturalismo e il relativismo sono l’espressione più evidente della resa della nostra identità e dei valori universali di fronte a qualcosa che è ad essi culturalmente estraneo. Di fronte a episodi come questo di Perugia ci chiediamo se non sia pura retorica quella che si manifesta per contrastare ogni violenza contro le donne. Noi tuttavia non ci stiamo: quando abbiamo voluto e sostenuto la legge sul ‘Codice Rosso’ lo abbiamo fatto anche per difendere e tutelare le tante ‘Salsabila’ che vivono in Italia. E continueremo a farlo”.
  • Cellulari in carcere, dopo il prete preso anche un dentista

    Cellulari in carcere, dopo il prete preso anche un dentista

    (ANSA) - NAPOLI, 27 NOV - Dopo il sacerdote, sorpreso nel giugno 2020, anche un medico è stato scoperto dalla Polizia Penitenziaria mentre cercava di introdurre dei cellulari in carcere: è successo ieri, ancora una volta nell'istituto casertano di Carinola. Gli agenti...

    Beni archeologici:Cc sequestrano 11mila reperti,una denuncia

    Beni archeologici:Cc sequestrano 11mila reperti,una denuncia

    (ANSA) - PALERMO, 27 NOV - Oltre 11 mila reperti archeologici provento di scavi clandestini sono stati sequestrati da carabinieri del nucleo per la Tutela del patrimonio culturale (Tpc) di Palermo, in collaborazione con la sezione di Siracusa e la compagnia di Santo...