• Gli italiani premiano ancora il centrodestra. Tracollo per il Pd

    Condividi l'articolo

    Per l’ennesima settimana i sondaggi continuano a premiare il centrodestra. La cosiddetta “luna di miele” tra Giorgia Meloni e gli italiani sembra quindi non interrompersi. Caos, invece, nel Partito Democratico che seguita inesorabilmente a perdere consensi mentre il Movimento 5 Stelle si prepara al sorpasso.

    Le percentuali

    Fratelli d’Italia, infatti, continua a crescere nelle proiezioni e, soprattutto, è l’unica forza politica che lo fa in maniera considerevole. Infatti, secondo la Supermedia YouTrend/Agi, ossia una media ponderata dei sondaggi nazionali – sono stati considerati Euromedia, Ipsos, Swg e Tecnè – sulle intenzioni di voto, il partito che ha come leader Giorgia Meloni adesso sfiora il 29% dei consensi e fa segnare un netto +1,2% rispetto a due settimane fa. Proiezioni ben diverse, invece, per il Partito Democratico che continua la sua fase di declino tra gli italiani. Il presunto allarme fascismo e le battaglie su quale articolo utilizzare per chiamare il Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, non devono aver fatto breccia tra i cittadini tanto che in solo due settimane Enrico Letta e i suoi perdono quasi un punto percentuale. Lo -0,7% registrato li porta al 16,9%. Sorridono di fronte a questo dato i Cinque Stelle che mettono la freccia e preparano il sorpasso. Anche loro, infatti, vengono dati al 16,9%. Al contrario del Partito Democratico, però, il Movimento Cinque Stelle continua a crescere, in maniera nettamente più lenta rispetto a Fdi ma quanto basta per diventare a breve la seconda forza politica del Paese. Il +0,3% registrato in queste ultime due settimane, infatti, li posiziona parimerito.

    Le coalizioni

    L’azione di governo del centrodestra viene quindi premiata dagli italiani. Fdi, Forza Italia e Lega, insieme raggiungono il 44,5% facendo anche meglio rispetto alle elezioni del 25 settembre (+0,5%). Quanto fatto sul tema immigrazione e soprattutto economico, sono stati stanziati 30 miliardi contro il caro energia, continua a far guadagnare consensi alla coalizione di centrodestra.

    Molto male, invece, il centrosinistra che viene quasi doppiato dai principali avversari. Secondo la Supermedia YouTrend/Agi ha perso oltre un punto percentuale (-1,2%) nelle ultime due settimane fermandosi di fatto solamente al 23,4%.

    Il tema immigrazione

    Neanche la battaglia sui migranti, con tanto di parlamentari, due del Pd e uno di Europa Verde, saliti sulle navi delle Ong ha fatto guadagnare qualche voto alla sinistra. Mentre l’ambiguità di Giuseppe Conte appare in parte premiata. È chiaro che il tema dell’immigrazione non sfonda nell’elettorato moderato. Come riportato qui su ilGiornale, l’istituto Eumetra ha svolto un sondaggio per capire cosa ne pensassero gli italiani e se fossero o meno d’accordo con la linea adottata dal governo. Il risultato è netto: il 63% degli intervistati è a favore della linea del governo, il 44% è contrario e solamente il 3% non lo sa. A quanto pare l’insistere su questo tema, permette unicamente di rafforzare l’elettorato già presente ma non di ottenere nuovi consensi.

    Gli altri partiti

    Rimangono sostanzialmente stabili gli altri partiti. La Lega perde lo 0,1% e si ferma all’8,4%. Il Terzo Polo sembra non riuscire ad andare oltre l’8% (-0,2). Resta saldo su questo dato dalle scorse elezioni del 25 settembre. Perde più di mezzo punto percentuale (-0,6%) Forza Italia stabilendosi al 6,6%. Non guadagna e non perdono Verdi/Sinistra ancora fermi al 3,8%.

    Nota dei sondaggi: La Supermedia YouTrend/Agi è una media ponderata dei sondaggi nazionali sulle intenzioni di voto. La ponderazione odierna, che include sondaggi realizzati dal 27 ottobre al 9 novembre, è stata effettuata il giorno 10 novembre sulla base della consistenza campionaria, della data di realizzazione e del metodo di raccolta dei dati. I sondaggi considerati sono stati realizzati dagli istituti EMG (data di pubblicazione: 31 ottobre e 8 novembre), Euromedia (4 novembre), Ipsos (29 ottobre), SWG (31 ottobre e 7 novembre) e Tecnè (29 ottobre e 5 novembre). La nota metodologica dettagliata di ciascun sondaggio considerato è disponibile sul sito ufficiale www.sondaggipoliticoelettorali.it.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte