Gravina a Governo ‘professionismo donne? serve concretezza’

Mag 4, 2022

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 04 MAG – “Abbiamo creduto che la sensibilità
    del mondo dello sport dovesse aprire a una pari dignità delle
    nostre ragazze. Il decreto Nannicini ci aiuta, ma non risolve il
    problema. Noi confidiamo nella modifica di quel provvedimento
    che riguarda il lavoratore sportivo perché potrebbe essere un
    valido auto, chiediamo questo alle autorità governative.
        Chiediamo concretezza nell’accompagnare questo processo del
    professionismo femminile perché è un processo costosissimo”.
        Lo ha detto Gabriele Gravina, presidente della Figc, durante
    il Consiglio Nazionale del Coni. Poi una riflessione sul Pnrr.
        “Mi dispiace di esser accusato di non aver fatto – ha spiegato
    Gravina -. Abbiamo ricevuto 347 domande, perché la nostra
    federazione avrebbe dovuto sceglierne una e penalizzare le
    altre? Il mondo dello sport, in termini di investimenti
    coordinato, come ne esce? Perché alcune regioni sono state
    avvantaggiate rispetto ad altre?”. “Forse il Coni avrebbe potuto
    dare contributo straordinario – ha concluso il presidente della
    Figc – e trovare una quadra diversa da quella che si presenterà
    agli occhi degli spettatori più attenti”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Eni, i due conti per garantire forniture gas

    Eni, i due conti per garantire forniture gas

    L'Eni continuerà a pagare il gas russo in euro, come da contratto. Nell'imminenza della scadenza della fattura di maggio, intorno al 20, e dopo che Gazprom bank ha chiuso i conti correnti su cui gli acquirenti hanno finora pagato le forniture, Eni ha avviato in via...

    Ex marito le diede fuoco: confermati 18 anni per Ciro Russo

    Ex marito le diede fuoco: confermati 18 anni per Ciro Russo

    (ANSA) - REGGIO CALABRIA, 17 MAG - È stato condannato a 18 anni e 8 mesi di carcere Ciro Russo, l'uomo che tre anni fa tentò di uccidere la ex moglie dandole fuoco. La Corte d'Appello di Reggio Calabria ha confermato la sentenza di primo grado del luglio 2020...