• Hollywood, la scritta quasi centenaria si rifà il look

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – NEW YORK, 21 SET –

    La celebre scritta di Hollywood sta per rifarsi il look: in vista del loro centesimo anniversario sulla collina del Griffith Park che sovrasta la ‘citta’ del cinema’, le lettere che la compongono stanno per essere ripulite e restaurate in un processo che dovrebbe prendere le prossime otto settimane. Visto che siamo a Hollywood, il trattamento da star era solo inevitabile. L’operazione che la Sherwin-Williams Company (la societa’ dell’Ohio che fornira’ la vernice impermeabile nel colore High Reflective White SW 7757) ha assimilato a un ‘lifting’, potra’ essere seguita minuto per minuto sul sito Hollywoodsign.org attraverso una videocam attiva 24 ore su 24, sette giorni su sette. La scritta “è l’orgoglio di Los Angeles e siamo contenti che i fan di tutto il mondo potranno vedere il nuovo look per il 100mo compleanno”, ha detto Jeff Zarrinnam, presidente della Hollywood Sign Trust. Le lettere dominano la collina dal 1923 anche se inizialmente la scritta era ‘Hollywoodland’, in un riferimento non all’industria dei sogni, ma a quella che era allora il motore economico della California meridionale: il real estate. Era stato infatti, Harry Chandler, un imprenditore immobiliare che possedeva anche il ‘Los Angeles Times’, a farle innalzare in bella vista per reclamizzare terreni edificabili di sua proprietà. L’ultima volta che le lettere sono state restaurate è stato 10 anni fa, in occasione del loro 90mo compleanno. La scritta doveva inizialmente restare in piedi solo per 18 mesi: ha retto invece per quasi cent’anni alle intemperie, un incendio, il suicidio di una starlet mancata e atti di vandalismo. Nel 1978 le sue lettere furono smantellate e completamente ricostruite. Le vecchie finirono nelle mani di Hugh Hefner che quell’anno le mise all’asta per beneficenza alla Playboy Mansion per circa 35 mila dollari l’una. Ne erano rimaste nove: l’insegna era stata abbreviata in “Hollywood” già nel 1949.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte