Rimini. Emilia Romagna “zona bianca” il 14 giugno

Mag 25, 2021

  • Condividi l'articolo

    L’incidenza dei malati di coronavirus scende in picchiata. Con il nuovo decreto-legge del 18 maggio il parametro chiave per il cambio colore non è più l‘indice Rt, bensì l’incidenza, che calcola quanti casi positivi ci sono ogni 100mila abitanti, assieme alla quale è importante tenere d’occhio anche il tasso di ospedalizzazione (l’Rt ospedaliero, cioè la percentuale di occupazione dei posti letto), che può fare la differenza tra zona gialla e arancione o rossa.

    Secondo il nuovo decreto, per entrare in zona bianca serve avere un’incidenza inferiore a 50 su 100mila abitanti per tre settimane consecutive e, se l’epidemia continuerà a rallentare così come sta facendo da diverse settimane, il Veneto  sarà la prima delle tre regioni a raggiungerla. Si prevede che il Veneto diventi zona bianca il 7 giugno, perché in base all’ultimo monitoraggio ha già un’incidenza molto bassa: 50.76.

    Segue l’Emilia-Romagna che, con un’incidenza del 66.85, potrebbe diventare bianca il 14 giugno. Per le Marche, invece, con 79.06, si ipotizza il 21 giugno.

    Emilia Romagna

    Torna a scendere l’Rt, dopo tre settimane di risalita. Il valore aggiornato è 0.78, in linea con l’Rt nazionale. Scende notevolmente anche l’incidenza, che passa da 97.4 a 66.85 (due monitoraggi fa era a 120). Anche gli altri valori sono molto buoni. I casi settimanali sono stati 2.972, a fronte dei 4.330 della settimana dal 3 a 9 maggio e dei 5.358 dal 26 aprile al 2 maggio.

    Le terapie intensive, invece secondo i dati di Agenas (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali), passano dal 21 al 17%; mentre i reparti Covid non critici dal 17 al 13%. Le prime sono in linea con la media nazionale, i secondi vanno addirittura meglio.

    Tutte le valutazioni del monitoraggio (di probabilità di diffusione del virus, di impatto sugli ospedali e la classificazione complessiva di rischio) sono ‘basse‘.

    Con il nuovo decreto-legge, sono tre nuovi parametri definiti ‘decisionali’. Oltre all’occupazione dei posti letto in terapia intensiva e negli altri reparti Covid, c’è l‘incidenza a 7 giorni (dal 14 al 20 maggio) che è al 67. Sono dati da zona gialla.

    Se la prossima settimana, con il nuovo monitoraggio, l’incidenza raggiungerà quota 50, inizierà il conto alla rovescia per raggiungere la zona bianca.