I Berliner a Roma, Dall’Ongaro ‘musica messaggera di speranza’

Nov 20, 2021

  • Condividi l'articolo

     ”Non bisogna mai sottovalutare il potere della musica. Non è un caso che in questo momento in cui si parla di quarta ondata sia proprio la musica a fare da messaggero di speranza tra i popoli. E’ questo l’intento dei Berliner Philharmoniker con questo concerto romano, unica data in Italia a conclusione della loro tournée europea”. Così Michele dall’Ongaro, sovrintendente dell’ Accademia Nazionale di Santa Cecilia, parla della mitica orchestra tedesca alla vigilia dell’attesissimo appuntamento in programma domenica 21 novembre alle 21 all’Auditorium Parco della Musica di Roma. Un concerto che nelle intenzioni dei musicisti e dell’Ambasciata Tedesca, che ha collaborato alla realizzazione dello spettacolo, è dedicato in particolare alle vittime del Covid. ‘”I Berliner – dice Dall’ Ongaro all’ ANSA – meritano di essere accolti come una delle più grandi e importanti orchestre del mondo insieme a un direttore fenomenale come Kirill Petrenko che Santa Cecilia conosce bene perché è ospite regolare della nostra stagione sinfonica. E’ davvero un grande evento visto che non venivano a Roma da quasi 17 anni e questo concerto con musiche di Mendelssohn e Sostakovic certifica un rapporto di amicizia e di solidarietà artistica e umana che continua ormai da tanto tempo”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • ++ Capo negoziatore Iran a ANSA, ‘non faremo marcia indietro’ ++

    ++ Capo negoziatore Iran a ANSA, ‘non faremo marcia indietro’ ++

    (ANSA) - TEHERAN, 04 DIC - L'Iran "non farà marcia indietro" sulle sue richieste per riattivare l'accordo sul nucleare del 2015. Lo ha detto in un'intervista esclusiva all'ANSA il capo negoziatore di Teheran, il vice ministro degli Esteri Ali Bagheri Kani, aggiungendo...

    Capo negoziatore Iran a ANSA, ‘non faremo marcia indietro’ (2)

    Capo negoziatore Iran a ANSA, ‘non faremo marcia indietro’ (2)

    (ANSA) - TEHERAN, 04 DIC - Lunedì sono riprese a Vienna le trattative tra Iran, Gran Bretagna, Francia, Germania, Russia, Cina, e indirettamente gli Usa, per cercare di riattivare l'accordo, dopo oltre cinque mesi di sospensione seguiti all'elezione a presidente in...