I magnifici cinque di Natale

Dic 23, 2021

  • Condividi l'articolo

    Sono soltanto cinque, ma tutti dotati di un forte appeal presso pubblici differenti, i film che Natale porta quest’anno in dono agli amanti della sala. Nella sfida per il box office di fine d’anno è tutto da dimostrare se qualcuno potrà insidiare lo spettacolare primato già messo a segno dal nuovo “Spiderman” o dalle sue due ancelle già in sala (“House of Gucci” e “Diabolik”). In compenso gli appassionati di cinema trovano imbandito un ricco e novo menu:

       – IL CAPO PERFETTO di Fernando León de Aranoa con Javier Bardem, Almudena Amor, Manolo Solo, María de Nati, Mara Guil, Óscar de la Fuente, Sonia Almarcha, Celso Bugallo, Fernando Albizu, Tarik Rmili, Rafa Castejón, Daniel Chamorro, Martín Páez, Yaël Belicha, Dalit Streett Tejeda. Ormai 20 anni fa Aranoa divenne improvvisamente un nome da tener d’occhio nel cinema spagnolo con un film, “I lunedì al sole” che dopo decenni riportava in primo piano la vita (e il disagio) della classe operaia. Adesso, sovvertendo ogni pronostico e battendo Almodovar nella corsa all’Oscar come candidato ufficiale della Spagna, il regista riprendo il registro della commedia satirica per mostrare l’altra faccia della medaglia. Il “buen patron” Javier Bardem è infatti un imprenditore di provincia che si compiace di essere un capo per cui la soddisfazione dei suoi operai è la chiave del successo. Ma quando partecipa a un concorso d’eccellenza tra imprese in lui sale lo stress da prestazione e rischia, attraverso innumerevoli pasticci, di scontentare tutti. Riuscirà a capovolgere la situazione in tempo utile? Un cast corale e ben assortito accompagna il protagonista a un successo di pubblico.
        – SING 2 di Garth Jennings. Animazione di Natale firmata Universal ma resa spettacolare soprattutto dal coinvolgimento di Bono (una delle voci originali del cartoon) e degli U2 che firmano brani dello scatenato musical. Si tratta del sequel di un film già molto amato e questa volta il koala Buster è chiamato a un lavoro molto difficile. Insieme alla sua scatenata band animale (una scrofa, un gorilla, un elefante, un porcospino e un porcellino) si prepara a debuttare nel più grande teatro del paese, il Crystal Tower Theater. Per convincerne l’impresario Buster ha promesso la partecipazione del vecchio Leone Rock, uomo difficile che sta lontano dalle scene da più di 10 anni. Impresa non semplice come si vedrà. Un gioiello del musical a cartoni. Da non perdere. – WEST SIDE STORY di Steven Spielberg con Ansel Elgort, Rachel Zegler, Maddie Ziegler, Rita Moreno, Corey Stoll, Brian d’Arcy James, Ana Isabelle, Reginald L. Barnes, Mike Faist, David Alvarez, Jamila Velazquez, Sean Jones, Patrick Higgins, Ben Cook, Ricardo Zayas. L’altra faccia del musical questa settimana porta una firma eccellente, quella del maestro Spielberg che ha voluto sfidare il classico del genere firmato da Leonard Bernstein (musiche) e Robert Wise (regia). Questa volta al posto di Natalie Wood c’è una indomabile Rita Moreno e gli esperti apprezzeranno il raffinato restyling usato per l’occasione. Meno facile convincere il pubblico teen che dovrebbe rispecchiarsi in questo “Giulietta e Romeo” ambientato nei quartieri di New York.
        – SUPEREROI di Paolo Genovese con Alessandro Borghi, Jasmine Trinca, Vinicio Marchioni, Greta Scarano, Elena Sofia Ricci, Gwendolyn Gourvenec, Linda Caridi, Flavio Parenti, Angelica Leo, Giacomo Mattia. Nuotare controcorrente e sfidare il tempo che usura tutto: questo il motto tacito di marco e Anna, autentici supereroi della coppia d’oggi. Lei è una disegnatrice di fumetti allergica alle convenzioni, lui un giovane fisico tutto razionalità. Stanno insieme da tempo ma proprio questo rischia di innescare la crisi. Avranno bisogno di quotidiani super-poteri per andare oltre qualche ruggine, qualche dimenticata bugia, l’appiattimento nel trantran quotidiano.
        – 7 DONNE E UN MISTERO di Alessandro genovesi con Margherita Buy, Diana Del Bufalo, Sabrina Impacciatore, Benedetta Porcaroli, Micaela Ramazzotti, Luisa Ranieri, Ornella Vanoni. E’ l’unica eccezione al calendario delle feste poiché l’abile rivisitazione del film di François Ozon esce nelle sale proprio il giorno di Natale, puntando a calamitare progressivamente il pubblico adulto fino a Capodanno e oltre. Nella notte della vigilia, a casa di un facoltoso imprenditore, anziché una festa va in scena un omicidio. Il morto è proprio il padrone di casa ma sotto lo stesso tetto ha riunito le sette donne che, in modi diversi, hanno scandito la sua vita. Lasciate sole a se stesse le eleganti signore non nascondono rancori, segreti, bugie. Ma chi di loro è davvero colpevole? Ed è proprio una delle protagoniste ad aver armato la mano dell’assassinio? Con passo da commedia e un cast d’eccezione il film riesce almeno a pareggiare nella sfida all’originale.
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Maldini, manto erboso S.Siro? spero sia rifatto in 15 giorni

    Maldini, manto erboso S.Siro? spero sia rifatto in 15 giorni

    (ANSA) - ROMA, 23 GEN - Lo stato del manto erboso di San Siro continua a non essere buono, al punto che c'è anche chi, come il tecnico dell'Inter Simone Inzaghi, se n'è anche lamentato. Così oggi, dai microfoni di Dazn, il dirigente milanista Paolo Maldini nel...

    Chiesa operato al ginocchio, 7 mesi per il recupero

    Chiesa operato al ginocchio, 7 mesi per il recupero

    (ANSA) - TORINO, 23 GEN - E' "perfettamente riuscito" l'intervento di ricostruzione del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro a cui è stato sottoposto oggi pomeriggio Federico Chiesa. I tempi di recupero previsti, informa la Juventus sul proprio sito...