Il 15enne di Odessa morto per salvare i vicini

Mag 3, 2022

  • Condividi l'articolo

    Di lui non si conosce neppure il nome, che viso avesse, il colore dei capelli, se aveva i genitori, parenti, dov’era nato, niente. La cronaca dalla guerra racconta solo che era un ragazzino di 15 anni, che i missili lanciati dall’esercito russo ieri pomeriggio su Odessa hanno spazzato via in un momento la sua piccola esistenza. Oggi, ad aggiungere strazio alla conta dei giovani che hanno perso la vita in 69 giorni di invasione russa, ci sono le parole del portavoce dell’amministrazione militare regionale della città sul Mar Nero Sergey Bratchuk: quel ragazzo avrebbe potuto salvarsi, ha ricevuto sul cellulare l’allarme del bombardamento aereo in arrivo. Ma anziché precipitarsi nel rifugio, è corso ad avvisare del pericolo gli anziani vicini che non avevano l’alert sul telefono. Pochi attimi dopo, i missili sono piombati sul dormitorio, sulla chiesa ortodossa adiacente a un sito militare. Di quegli anziani ora non c’è traccia, non è possibile appurare se il sacrificio del loro giovanissimo amico è servito a salvarli. L’unica certezza è che l’umanità ha perso un altro figlio senza colpa.

    Del resto, le bombe non hanno occhi né discernimento: il bersaglio dei missili Oniks lanciati dai droni dell’esercito di Mosca, si è saputo oggi, era un hangar vicino a Odessa dove – secondo la versione russa – venivano consegnate e custodite le armi inviate all’Ucraina dai Paesi europei e dagli Usa. I vertici militari russi specificano che nell’attacco sono stati colpiti e distrutti velivoli senza pilota Bayraktar TB2, razzi e munizioni ricevuti da Kiev da “Paesi stranieri”. Il portavoce del ministero della Difesa Igor Konashenkov ha spiegato ai giornalisti che quei “missili ad alta precisione hanno sferrato un colpo vicino a Odessa su un centro logistico di un campo d’aviazione militare”. L’alta precisione delle bombe però è solo un concetto astratto. Perché le esplosioni non hanno solo ridotto in macerie l’hangar e le armi pronte ad essere usate contro le truppe russe. Hanno pure aperto una voragine nell’affetto di chi ha perso quel ragazzo di 15 anni, di chi forse disperso chissà dove dalle vicissitudini del conflitto non sa neppure di aver perso un nipote, un fratello, un parente caro. Un giovane che senza neppure pensarci ha scelto la solidarietà al posto dell’autoconservazione. Ma sono ipotesi, immagini che rimbalzano da migliaia di chilometri per cercare di farsi una ragione, qualunque ragione, di eventi che lasciano nella memoria il segno nero della perdita.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Play off di Serie B: andata semifinale, Brescia-Monza 1-2

    Brescia-Monza 1-2 nella semifinale di andata dei play off del campionato di Serie B, giocata al 'Rigamonti'. Padroni di casa in vantaggio con Moreo al 7' pt, poi doppietta di Gytkjaer al 44' pt e all'11' st (rigore). La partita di ritorno si giocherà domenica, 22...

    Eintracht vince l’Europa League, Ranger ko ai calci di rigore

    Eintracht vince l’Europa League, Ranger ko ai calci di rigore

    L'Eintracht Francoforte ha vinto l'Europa League 2021-'22 battendo i Rangers Glasgow per 6-5 dopo i rigori (1-1 al 90' e dopo i supplementari) nella finale giocata a Siviglia La cronaca SI VA AI CALCI DI RIGORE! Eintracht-Rangers 1-1, Kent allo scadere manca il...