• Il centrodestra avanza, il M5S supera il Pd: sondaggio tombale per la sinistra

    Condividi l'articolo

    L’azione del governo guidato da Giorgia Meloni viene giudicata in maniera positiva dagli italiani che, come conseguenza, continuano a premiare il centrodestra nelle intenzioni di voto. Dalle elezioni di domenica 25 settembre la coalizione ha incrementato il proprio peso, grazie anche alle prime mosse dell’esecutivo apprezzate dagli elettori. Dai sondaggi emerge che la tendenza è diametralmente opposta per la sinistra, che arranca in preda alla disperazione e non riesce a uscire dalla palude.

    FdI cresce, il Pd tracolla

    La Supermedia YouTrend/Agi parla in modo inequivocabile, confermando che la crescita di Fratelli d’Italia non si arresta e prosegue fino a raggiungere il 29,1% grazie a un aumento dello 0,4%. Per la seconda posizione viene certificato il sorpasso del Movimento 5 Stelle ai danni del Pd: i grillini crescono dello 0,8% e si portano al 17,4%. Non si tratta di un vantaggio di misura, ma di un vero e proprio scambio di posizioni. Infatti il Partito democratico perde lo 0,6% e tracolla al 16,8%.

    Stabile la Lega di Matteo Salvini all’8,4%. Variazione negativa per il Terzo Polo, che lascia per strada lo 0,2% e scende al 7,8%: così l’asse di Azione e Italia Viva torna sui valori ottenuti alle elezioni del 25 settembre. Momento positivo per Forza Italia, che incassa lo 0,2% e sale al 7%. L’alleanza tra Verdi e Sinistra italiana guadagna lo 0,1% e si attesta al 3,9%; invece +Europa di Emma Bonino viene data al 2,7% in calo dello 0,1%. Infine si trovano Italexit con Gianluigi Paragone al 2,1% (-0,3%), Unione Popolare di Luigi de Magistris all’1,4% (-0,1%) e Noi Moderati all’1,1% (+0,1%).

    Il centrodestra vola, la sinistra sprofonda

    I dati in questione si riflettono ovviamente sul quadro delle alleanze. La Supermedia della coalizioni, come logico effetto, restituisce una fotografia molto chiara: da una parte il centrodestra incrementa le preferenze a proprio favore; dall’altra il centrosinistra perde terreno e non appare in grado di riuscire a invertire una tendenza di declino che ormai sembra essere del tutto irreversibile.

    La coalizione formata da Fratelli d’Italia, Lega, Forza Italia e Noi moderati ha un peso totale del 45,5%, in crescita dello 0,7%. Invece il fronte politico composto da Partito democratico, Verdi-Sinistra italiana e + Europa si ferma al 24%, in discesa dello 0,4%. La spiegazione è molto semplice: il centrodestra continua a essere premiato dagli elettori perché il governo nelle prime settimane ha tenuto fede agli impegni presi in campagna elettorale, mentre il centrosinistra paga il momento di assoluta confusione interna. Nello specifico il Pd rischia di restare impantanato almeno fino al congresso del prossimo anno che eleggerà il nuovo segretario.

    Nota del sondaggio:

    La Supermedia YouTrend/Agi è una media ponderata dei sondaggi nazionali sulle intenzioni di voto. La ponderazione odierna, che include sondaggi realizzati dal 3 al 16 novembre, è stata effettuata il giorno 17 novembre sulla base della consistenza campionaria, della data di realizzazione e del metodo di raccolta dei dati. I sondaggi considerati sono stati realizzati dagli istituti Demos (data di pubblicazione: 12 novembre), EMG (8 novembre), Noto (10 novembre), SWG (7 e 14 novembre) e Tecnè (5 e 12 novembre).


    Fonte originale: Leggi ora la fonte