Il cinema a casa del week end, da Shadows ad Artemis Fowl

(di Giorgio Gosetti) (ANSA) – ROMA, 19 NOV – Tutta la settimana del cinema in casa
è dedicata al 70/o compleanno di Carlo Verdone. Ciascuno può
farsi grazie la sua programmazione grazie all’home video ma
dalla Rai a Mediaset, da Sky alle piattaforme si può dire che il
regista romano è onnipresente. L’en plein si trova però su
Amazon Prime con ben 18 titoli. A girovagare sulle piattaforme e
nelle videoteche ci sono però altre novità e riscoperte di
qualità. Eccone alcune:
– THE SPECIALS di Olivier Nakashe e Eric Toledano con Vincent
Cassel, Reda Kateb, Hélène Vincent, Bryan Mialoundama, Alban
Ivanov. La formula è quella del “buddy buddy” alla francese,
commedia a sfondo realista, comica e amara, scevra da pietismi e
ispirata alla bontà. Come nel modello originale americano anche
qui agiscono due protagonisti che si muovono all’unisono grazie
alle differenze. Bruno e Malik hanno fondato un’associazione per
soccorrere bambini autistici con famiglie disagiate
(sull’esempio di una storia reale). Il primo è ebreo e l’altro
musulmano; uno è un padre di famiglia e l’altro un eterno
scapolo, il primo è dotato di sapienza e coraggio, il secondo ha
l’arte di dissacrare. I loro incontri e le storie che vivono (e
che gli attori hanno vissuto in prima persona) posso smuovere
anche i cuori più duri. In onda su #Miocinema che accompagna la “prima” con una bella lista di film raggruppati col titolo “Fuori dal comune”, tutti dedicati alla diversità. Tra gli altri “In viaggio verso un sogno” di Tyler Nilson, “In viaggio con
Adele” di Alessandro Capitano, “Don’t Worry” di Gus Van Sant, “Lo scafandro e la farfalla” di Julian Schnabel, “Sulle mie
labbra” di Jacques Audiard.
    – IL TALENTO DEL CALABRONE di Giacomo Cimini con Sergio
Castellitto, Lorenzo Richelmy, Anna Foglietta, David Coco,
Gianluca Gobbi. Sprofondato nella notte milanese quando ancora
palpitava come New York e viveva all’unisono con le voci della
radio (questa è dichiaratamente Radio 105), ecco un thriller di
stampo internazionale, gestito spesso al meglio nel conflitto a
distanza di etere tra un dj spaventato (Richelmy) e un
misterioso attentatore che lo ricatta al telefono (Castellitto).
    Tra i due un’ispettrice di polizia che cerca di evitare il
peggio (l’uomo misterioso che minaccia attentati e stragi non
scherza) e un segreto che verrà svelato solo all’ultima battuta.
    Un’opera seconda da considerare con curiosità e simpatia per
come rivaleggia coi modelli americani. Su Amazon Prime.
    – SHADOWS di Carlo Lavagna con Saskia Reeves, Mia Threapleton,
Lola Petticrew. Dall’infanzia vivono recluse in un albergo in
disuso, prigioniere in una stanza segreta dove la severa madre
intende proteggerle dalle insidie del mondo esterno. Alma e Alex
sono ormai adolescenti assetate di vita e una mattina, lasciate
sole, decidono di infrangere le regole. Non conoscono la verità
sul loro passato e non sanno a cosa vanno incontro, ma per la
prima volta affronteranno la luce del sole. Anche in questo caso
ecco un’opera seconda italiana (alla sceneggiatura collabora
Fabio Mollo) che osa sfidare i modelli americani, scegliendo la
formula del prodotto internazionale (il film è stato girato in
inglese) senza rinunciare a un vero tocco d’autore.
    Nell’eccellente terzetto al femminile delle interpreti fa
notizia la giovane Mia, figlia d’arte con una madre come Kate
Winslet. Su Sky.
    – ARTEMIS FOWL di Kenneth Branagh con Ferdia Shaw, Lara
McDonnell, Judi Dench, Josh Gad, Nonso Anozie, Colin Farrell,
Tamara Smart, Miranda Raison, Joshua McGuire, Adrian
Scarborough, Hong Chau, Nikesh Patel. In attesa di tornare sul
grande schermo con un nuovo Poirot, il regista e attore inglese
ormai ingaggiato a tempo pieno dalla Disney si cimenta con la
saga letteraria di Eoin Colfer. Figlio di una schiatta di
eccellenti menti criminali, il dodicenne Artemis parte alla
ricerca del padre scomparso. Scortato da Leale, la sua guardia
del corpo, il ragazzo approda al regno delle fate, nelle
profondità della terra dove pensa che il genitore sia
prigioniero o rifugiato. Ricorrendo alle doti di famiglia
Artemis ingaggia una guerra senza quartiere con la regina
Tubero, ma dovrà piegarsi alla virtù salvifica di un popolo
fatato che crede nel Bene. Su Disney+ e quindi su Prime.
    – BORAT 2 di e con Sacha Baron Cohen. Torna a visitare
l’America il più dissacrante dei giornalisti, l’inviato kazako
che ha rischiato il gulag dopo il suo esordio nel film che è
prologo a questa nuova e dissacrante inchiesta. Il panciuto
dittatore del suo paese lo ha rimesso in libertà e allora Borat
va a visitare il mondo di Trump, si finge cantante di protesta
schierato con l’ultradestra, rischia in prima persona il
linciaggio (è accaduto durante le riprese), dà voce al peggio
del razzismo e dell’ignoranza, ma lo fa con l’imperdibile
leggerezza goliardica che lo ha reso famoso. Un film da non
perdere ancora disponibile sulla piattaforma.
    – LA GOMERA di Corneliu Porumboiu con Vlad Ivanov, Catrinel
Marlon, Rodica Lazar, Antonio Buíl, Agustí Villaronga. Uno dei
migliori film della scorsa stagione, malauguratamente uscito
alla fine di febbraio in sala e ora recuperabile a noleggio e in
vendita in home video. Il poliziotto rumeno Cristi si imbarca
per l’isoletta di Gomera, nelle Canarie, dove vuole apprendere
il linguaggio dei fischi, segreto sistema di comunicazione dei
contadini locali. Il suo piano è raffinato: vuole usare quel
sistema per liberare un boss mafioso dal carcere e spartire con
lui un bottino nascosto. Alle prese con una capo-ispettrice che
sospetta di lui e vuole la sua parte, un boss che cerca di
fregarlo e una dark lady che forse lo ama, Cristi strizza
l’occhio al cinema di genere americano, ma ha in Hitchcock il
suo nume tutelare e grazie agli insegnamenti del maestro del
brivido risolve da par suo. In vendita su Amazon.
    – IL GRANDE PASSO di Antonio Padovan con Stefano Fresi, Giuseppe
Battiston, Flavio Bucci, Francesco Roder, Camilla Filippi.
    Grazie alla piattaforma #iorestoinsala ritrova il suo pubblico
questa delicata commedia festeggiata al Festival di Torino.
    Fratelli/coltelli separati anche dalla vita (Mario sta a Roma e
ha un negozio di ferramenta, Dario sta nel Polesine ed è ribelle
a ogni regola), i due si detestano, ma tocca a Mario liberare il
fratello dopo che un suo sciagurato esperimento spaziale lo ha
fatto condannare al domicilio coatto. Nell’esecrata memoria del
padre e nel sogno di arrivare un giorno sulla Luna, i due
fratelli riscopriranno un’amicizia sepolta da anni di
lontananza. Fresi e Battiston sembrano fratelli davvero e danno
vita ad alcuni duetti memorabili. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte