Il fallimento di Conte: piazze (quasi) piene, urne vuote

Giu 14, 2022

  • Condividi l'articolo

    Ormai è accertato. Per il M5S vale il vecchio detto “piazze piene, urne vuote”. Giuseppe Conte, nelle ultime settimane, ha riempito le proprie pagine social di foto e video dei comizi che ha tenuto nel Sud Italia, il tradizionale bacino elettorale dei Cinque Stelle.

    Palermo, Taranto, Messina e Catanzaro sono state le città più battute dall’ex premier. Nel capoluogo siciliano, gli attivisti e i (presunti) elettori del M5S lo hanno addirittura chiamato “papà Conte”. Ma stavolta, neanche il reddito di cittadinanza ha aiutato a risollevare la drammatica situazione dei pentastellati. I risultati elettorali di ieri hanno confermato la crisi in cui versa il M5S che ha avuto un’emorragia di voti notevole anche al Sud. A Palermo, dove nel 2017 ottenne il 16,2%, ora si ferma ad appena il 7,5%, mentre a Taranto il tonfo è ancora più vistoso: il consenso passa dal 12,4% al 4,2%. Non va meglio a Catanzaro dove il 6% di cinque anni fa è divenuto un misero 2,8%. A Messina, che è tornata al voto con un anno d’anticipo, i pentastellati passano dal 13,5% del 2018 al 4,3% di ieri.

    Se da un lato è vero che, diversamente da questa tornata elettorale, il M5S dell’epoca esprimeva i propri candidati sindaci, è altrettanto vero che non c’è stato nessun “effetto Conte“. Quando l’ex premier stava per assumere la leadership del Movimento, infatti, circolavano dei sondaggi che attribuivano oltre il 20% al M5S. Le urne, però, indicano che la realtà è ben diversa da quella descritta dalle foto e dai video postati sulle pagine social di Conte.

    Una realtà che, come avevamo già evidenziato, era solo parzialmente vera. In molte occasioni, soprattutto in Comuni che avevano un sindaco uscente pentastellato, però, Conte non aveva avuto un grande seguito. Anzi, le piazze erano semideserte. La pagina Facebook del M5S bollò la nostra notizia come “fake news”, ma i risultati elettorali di ieri dimostrano che, anche laddove le piazze erano piene, il M5S non ha tenuto. Anzi, è crollato rovinosamente. La resa dei conti dentro il Movimento è appena iniziata e, a farne le spese, sarà proprio Conte il quale attende con ansia l’esito della decisione del tribunale di Napoli. Decisione che potrebbe toglierli definitivamente la guida del M5S.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Uccisa suora italiana ad Haiti

    Uccisa suora italiana ad Haiti

    (ANSA) - ROMA, 26 GIU - Luisa Dell'Orto, suora lecchese di 65 anni, è stata uccisa ad Haiti, probabilmente a scopo di rapina, nella capitale Port au Prince dove operava. Suor Luisa era nell'isola da 20 anni. Ne dà notizia l'arcidiocesi di Milano.Secondo quanto...

    Pugilato: Signani perde il titolo europeo dei Medi, ma farà ricorso

    Pugilato: Signani perde il titolo europeo dei Medi, ma farà ricorso

    E' finita male, almeno per ora, l'avventura in Francia, sul ring del 'Centre Omnisport' di Massy, del campione europeo dei pesi medi Matteo Signani. Il 43enne 'Giaguaro' romagnolo, che nella vita oltre a praticare la boxe fa la guardia costiera, ha perso contro lo...