Il Monte Bianco, monumento e spia del clima

Giu 20, 2022

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 20 GIU – STEFANO ARDITO, “MONTE BIANCO, IL GIGANTE DELLE ALPI”, (LATERZA, PP. 304, 24 EURO)

    Negli ultimi cinquant’ anni i trentuno ghiacciai del versante italiano del Monte Bianco si sono ridotti del 10%. Il dato sale al 27% per l’intera Valle d’Aosta. Kieran Baxter e Alice Watterson, glaciologi dell’Università di Dundee in Scozia, rivelano che tra il 1840 e il 2005, sull’intero arco alpino, è scomparso il 75% del ghiaccio. Questa condizione sta contribuendo, da tempo, a ridurre in maniera drammatica la portata del Po e degli altri fiumi che scendono dalle Alpi. Il Monte Bianco, sul confine tra Italia, Francia e Svizzera, tocca i 4810 metri ed è la vetta più alta d’Europa. Una straordinaria palestra di sci, escursionismo e alpinismo, e un monumento naturale visitato e fotografato ogni anno da milioni di persone. Come tutte le grandi montagne della Terra, a iniziare dall’Everest, è anche una sentinella del clima. Un osservatorio sul cambiamento climatico.
        Nel libro ‘Monte Bianco, il gigante delle Alpi’ Stefano Ardito, giornalista e storico della montagna, racconta l’evoluzione dell’alpinismo dalla prima ascensione alla vetta nel 1786 fino ai giorni nostri, passando per le avventure e le parole di campioni come Walter Bonatti e Reinhold Messner.
        Ma la storia del massiccio non è fatta solo di scalate. Il libro racconta, come fanno i cronisti, la scoperta delle Alpi da parte dei viaggiatori del Grand Tour due secoli fa, l’attacco dell’Italia fascista alla Francia nel 1940 attraverso il Col de la Seigne ai piedi della montagna e la tecnologia che ha creato la Funivia dei ghiacciai e il Traforo. Che, nel 1965, ha trasformato la geografia dell’Europa.
        Non mancano episodi poco noti come la caduta, nel dopoguerra e a poca distanza dalla vetta, di due aerei di linea indiani, il lavoro degli osservatori scientifici oltre i 4000 metri di quota (dalla fisiologia all’astronomia), la diatriba sul confine tra Italia e Francia che rende una parte del Bianco ufficialmente “contesa” tra i due Stati. Altre pagine ci ricordano le prime Olimpiadi invernali disputate nel 1924 a Chamonix, e la nascita nel 1955 del Giro del Monte Bianco, il primo cammino internazionale d’Europa.
        Uno dei ghiacciai del Monte Bianco, quello di Planpincieux sul versante italiano, nel 2018 e nel 2019 ha rischiato di far precipitare in fondovalle una massa di ghiaccio grande come il Duomo di Milano. Due secoli fa la scrittrice inglese Mary Shelley aveva utilizzato i crepacci della Mer de Glace, il più vasto ghiacciaio del massiccio, per ambientare il suo Frankenstein. Oggi non potrebbe più farlo. Quelle onde di ghiaccio si sono sciolte da tempo, e al posto della poderosa colata di una volta scende una lastra sottile, e destinata a sparire. 
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Femminici, 57 dal primo gennaio: uno ogni tre giorni

    Femminici, 57 dal primo gennaio: uno ogni tre giorni

    Le donne continuano ad essere ammazzate e la lista dei femminicidi si allunga drammaticamente. Dal primo gennaio al 19 giugno di quest'anno sono state 56 vittime donne secondo i dati del Viminale, una ogni tre giorni. Un numero che oggi sale ancora dopo che un...

    Biden: ‘Legge sulle armi più significativa in ultimi 30 anni’

    Biden: ‘Legge sulle armi più significativa in ultimi 30 anni’

    "Questa è la legge più significativa sulle armi degli ultimi 30 anni". Lo ha detto il presidente americano Joe Biden firmando la legge per una stretta sulle armi. "Voglio ringraziare le famiglie delle vittime da Columbine a Sandy Hook a Uvalde. Niente potrà colmare il...