• Il premio “Buone Notizie” a Maggioni, Scavo e Osservatore di Strada

    Condividi l'articolo

    Monica Maggioni, direttrice del Tg1 e già presidente della Rai, Nello Scavo, inviato di guerra di ‘Avvenire’ e autore di inchieste sul traffico di esseri umani, e ‘L’Osservatore di Strada’, il mensile dell’Osservatore Romano sostenuto da Papa Francesco, dove gli “gli ultimi diventano protagonisti”, sono i vincitori dell’edizione 2023 del ‘Premio Buone Notizie’. Giunto alla quattordicesima edizione, il riconoscimento è l’unico in Italia a premiare le “buone notizie”, cioè non solo l’informazione corretta e completa, ma anche quella pronta a fare un passo in più raccontando la normalità positiva della società. Il ‘Buone Notizie’ sceglie anche la ‘Buona notizia dell’anno’, che sarà resa nota nei giorni immediatamente precedenti il Premio.
        La consegna del riconoscimento, una scultura in bronzo fusa dall’artista Battista Marello, avverrà sabato 28 gennaio (ore 16) nella Biblioteca del Seminario di Caserta, a fianco al Duomo; e nell’occasione saranno annunciate altre attività come il ‘Premio Buone Notizie Young’, concorso che prevede la realizzazione di video giornalistici nelle scuole e università italiane, con il fine di educare alla buona informazione.
        “L’obiettivo del Premio – dice il presidente dell’Assostampa di Caserta, Michele De Simone – è quello di promuovere e diffondere il valore dell’informazione corretta ed equilibrata”. “Il Buone notizie – spiega Luigi Ferraiuolo, segretario generale del Premio – è nato dall’intento di promuovere i comunicatori e i giornalisti che fanno buona informazione, perché un buon esempio vale più di mille pur impegnati discorsi”.
        Il ‘Premio Buone Notizie – Civitas Casertana’ è organizzato dall’omonima associazione con il ‘Corriere Buone Notizie’ del Corriere della Sera per la ‘Buona Notizia dell’Anno’, e gode del patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti nazionale e della Campania, della Fisc, Federazione italiana settimanali cattolici italiani, del Sindacato dei giornalisti campani, dell’Ucsi, Unione stampa cattolica italiana. 
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte