Incendio Milano: da Boeri e Femia 2 progetti per Torre dei Moro

Mag 14, 2022

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – MILANO, 14 MAG – Per la rinascita della Torre dei
    Moro di Milano, andata in fiamme lo scorso 29 agosto, ci sono
    già due progetti presentati dagli architetti Stefano Boeri e
    Alfonso Femia.
        I due prospetti – eseguiti a titolo gratuito – sono stati
    presentati durante un evento con gli inquilini della Torre in
    Regione Lombardia: “Io come altri architetti ho donato un’idea,
    un progetto per pensare a una nuova vita per la torre di via
    Antonini”, ha commentato Boeri sottolineando che “qualsiasi cosa
    gli abitanti di questa torre sfortunata decideranno, per noi
    sarà un segno di attenzione e disponibilità”.
        Ad ogni modo “abbiamo pensato a un edificio verde che dia il
    segno della rinascita”, immaginando “che le due vele, che poi
    sono state parte dell’origine dell’incendio, siano invece
    coperte da alberi e foglie – ha aggiunto Boeri – conservando
    però quella fisionomia dell’edificio e aumentando la superficie
    dei balconi”.
        Secondo Femia, “la prima cosa che bisogna capire è che
    qualsiasi progetto sarà un progetto pubblico, che appartiene
    alla città”. E comunque “mi piacerebbe che questa possa essere
    un’occasione civile straordinaria”. L’edificio di via Antonini “entra in un contesto di rigenerazione tra i più importanti
    d’Europa. E quindi è importante che questo edificio – ha
    rimarcato Femia – assuma anche questo tipo di ruolo”.
        Presente al Belvedere di Palazzo Lombardia anche Ivan
    Scalfarotto, sottosegretario all’Interno, che ha seguito da
    vicino la vicenda nei mesi: “Abbiamo dato un’ottima prova di
    coesione tra istituzioni, governo, Prefettura, Comune e Regione
    – ha commentato – anche con le famiglie dei condomini che sono
    state sempre presenti ai nostri lavori”. Insomma, “abbiamo
    cercato di fare in modo che i vari livelli di governo operassero
    ciascuno con le proprie competenze – ha concluso Scalfarotto –
    con ordine e dandoci scadenze precise”.
        Durante l’evento di oggi, grazie al contributo di Mondadori,
    Rcs, De Agostini e Scf Società Consortile Fonografici, sono
    stati consegnati centinaia di libri e cd musicali alle famiglie
    che vivevano nello stabile. Gli inquilini, inoltre, hanno
    assistito a un’esibizione delle musiciste dei ‘Pomeriggi
    Musicali’. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Quelle sanzioni (necessarie) e il rischio boomerang in casa

    Quelle sanzioni (necessarie) e il rischio boomerang in casa

    Aumenti, aumenti ovunque. La giornata tipo degli italiani è diventata una via crucis, che comincia con una tazzina di caffè strapagata al bar fino a quando si spegne la luce prima di dormire, magari un po' prima del solito perché con certe bollette in arrivo... Lo...