India: arriva il ciclone Gulab, decine di migliaia evacuati

Set 26, 2021

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – CALCUTTA, 26 SET – Decine di migliaia di persone
    sono state evacuate in tre stati indiani in vista dell’arrivo
    del ciclone Gulab che dovrebbe colpire la costa orientale questa
    sera. Gulab dovrebbe atterrare tra gli stati costieri
    dell’Odisha e dell’Andhra Pradesh, con raffiche fino a 95
    chilometri all’ora, ha annunciato il dipartimento meteorologico
    statale indiano.
        Il sistema di tempeste dal Golfo del Bengala porterebbe “venti forti e precipitazioni estremamente intense”, ha
    preannunciato l’ufficio meteorologico.
        I funzionari dell’Odisha e dell’Andhra Pradesh hanno ordinato
    a decine di migliaia di persone che vivono lungo la costa di
    trasferirsi nei rifugi, mentre centinaia di operatori di
    emergenza sono stati inviati nella regione. Le autorità del
    Bengala occidentale, a nord dell’Odisha, hanno dichiarato oggi
    che, sebbene sia improbabile che Gulab colpisca direttamente lo
    stato, stanno ancora prendendo precauzioni. “Finora abbiamo
    evacuato più di 20.000 persone nelle scuole e negli uffici
    governativi, che sono stati trasformati in rifugi anticicloni”,
    ha detto Bankim Hazra, ministro di stato responsabile delle aree
    pianeggianti.
        A maggio, più di un milione di persone sono state evacuate
    dalle loro case lungo la costa orientale dell’India prima che
    fosse colpita dal ciclone Yaas con raffiche di vento fino a 155
    chilometri all’ora, equivalenti a un uragano di categoria due.
        Furono almeno 20 le vittime della tempesta e decine di migliaia
    gli sfollati ed i danni causati dalla furia dei venti superarono
    i 2 miliardi di dollari negli stati dell’Odisha e del Bengala
    occidentale e nel vicino Bangladesh. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Petrolio: prezzi in forte calo dopo riavvio negoziati Iran

    Petrolio: prezzi in forte calo dopo riavvio negoziati Iran

    La ripresa dei negoziati sul nucleare con l'Iran ,che potrebbe portare a un riavvio dell'export petrolifero del paese, fa scendere i prezzi del petrolio, finito nei giorni scorsi ai massimi dal 2014. Sulle quotazioni del greggio incide anche l'aumento delle scorte...