Intesa: ulteriori 500 euro a personale contro rincari prezzi

Condividi l'articolo

Intesa Sanpaolo, per dare un supporto concreto alle proprie persone nell’affrontare i rialzi dei prezzi in atto, provvederà, con la mensilità di dicembre, all’erogazione una tantum di 500 euro richiesta dalle organizzazioni sindacali. Soddisfazione è stata espressa da tutte le organizzazioni sindacali.
    L’annuncio avviene in anticipo rispetto alla conclusione della trattativa, tuttora in corso, riguardante le nuove modalità di lavoro per smart working, flessibilità di orario e settimana corta. La misura interessa 70 mila persone che operano in Italia, esclusa la dirigenza. L’erogazione viene comunicata ora – spiega una nota di Intesa Sanpaolo – per consentire l’inclusione delle somme entro il limite dei fringe benefit innalzato dal Decreto-Legge 18 novembre 2022 e dare la possibilità al personale di autocertificare il sostenimento delle spese per il pagamento delle utenze domestiche per consumi effettuati nel 2022 ed entro i termini del conguaglio fiscale.
    L’erogazione una tantum di 500 euro anche per lo smart working si aggiunge alla decisione, presa a luglio in occasione dei risultati semestrali, di erogare in via straordinaria 500 euro, a titolo di liberalità, a favore delle persone del Gruppo in Italia e all’estero, per un insieme di 1000 euro netti. La prima delle due misure aveva una consistenza di 50 milioni di euro, quella attuale di circa 37 milioni di euro, per un intervento complessivo a favore delle persone del gruppo di 87 milioni di euro.
    “In una fase complessa con i rialzi inflattivi che proseguono a intaccare la capacità di spesa, rinnoviamo l’attenzione e la vicinanza alle nostre persone in modo concreto”, afferma Carlo Messina, consigliere delegato e ceo di Intesa Sanpaolo. 
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte