Invasione di campo. Messaggio sbagliato

Mag 8, 2022

  • Condividi l'articolo

    La guerra ha un costo altissimo, ma neppure la pace purtroppo è gratis. Non lo è per Kiev, non lo è per Putin e neppure per gli Stati Uniti e per l’Europa. L’enigma adesso è capire quando chiudere, a che prezzo e a chi tocca pagarlo. La soluzione non è affatto facile, perché ognuno dei protagonisti in campo ritiene, a torto o ragione, che non ci siano ancora le condizioni per fermare il tempo e ragionare sul serio su una via di uscita. Qualcuno è rimasto sorpreso dalle parole di Jens Stoltenberg, segretario generale della Nato: «Non accetteremo mai l’annessione illegale della Crimea e ci opponiamo al controllo russo sul Donbass». È una chiusura netta verso Putin. È un approccio più rigido anche rispetto alle aperture di Zelensky. È soprattutto una mossa diplomatica. È tenere il punto: è quello che abbiamo sempre detto. Dovremmo cambiare idea dopo l’invasione? Questo è il messaggio che arriva da Stoltenberg.

    La Nato e Washington ritengono che Mosca non abbia ancora intenzione di trattare, ma questa guerra sta facendo sprofondare la Russia in una crisi sociale ed economica più profonda di quanto ci si aspettasse. Putin si sta mangiando il futuro del suo popolo. Non c’è nessun orgoglio imperiale all’orizzonte, ma un domani da immensa Corea del Nord sotto il protettorato cinese. L’idea insomma è di far pagare a Putin un prezzo alto per la sua guerra insensata. La pace non può essere un regalo.

    Questa però è la visione di Biden. È la guerra vista da Washington e non è detto che sia la prospettiva migliore. Quando è iniziata l’invasione molti chiedevano a Kiev di arrendersi. Perché non dicono basta? La risposta fu che non spettava agli altri la scelta. Solo gli ucraini potevano decidere se arrendersi o resistere. È la tesi che questo giornale ha portato avanti fin dall’inizio. Nessuno può pretendere di decidere per loro. Non ti puoi mettere nei loro panni. Non sta a te indicare il prezzo della libertà. È troppo facile. È disonesto. Questo vale per il presidente degli Stati Uniti e per l’ultimo commentatore da bar. L’ultima parola spetta a chi sta facendo i conti con l’invasione russa. A chi sta rischiando tutto.

    Questo discorso vale anche per la pace. Non spetta alla Nato o agli USA fissare il prezzo. Non spetta neppure al solo Zelensky. Solo gli ucraini possono dire se la Crimea e il Donbass sono moneta leggera o pesante. Quello che gira intorno a questa storia è il futuro equilibrio del mondo, ma non va disegnato con il sangue degli ucraini. Il costo di questa pace è un loro diritto inalienabile.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Atletica: a Grantham il Passatore 2022, Corradini nelle donne

    Atletica: a Grantham il Passatore 2022, Corradini nelle donne

    (ANSA) - BOLOGNA, 22 MAG - Il britannico Lee Grantham, classe 1983, è il vincitore della 100 chilometri del Passatore, tornata dopo tre anni alla sua forma classica con partenza da Firenze e arrivo a Faenza. Grantham ha tagliato il traguardo in 7 ore, 3 minuti e 29...

    Investe e uccide ragazza su marciapiede,fugge ma viene preso

    Investe e uccide ragazza su marciapiede,fugge ma viene preso

     Una ragazza di 29 anni è stata investita e uccisa da un'auto pirata stamane, verso le 5.30, a Verona. La giovane, che passeggiava con un amico su un marciapiede, vicino a Porta Vescovo, è stata colpita in pieno ed è deceduta all'istante. L'automobilista, un...