• Irruzione notturna in sede Filt-Cgil Salerno, danni a tre porte

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – SALERNO, 13 SET – La scorsa notte ignoti hanno fatto
    irruzione nella sede della Filt Cgil di Salerno, danneggiando
    tre porte. Un atto vandalico su cui indagano gli agenti della
    Polizia di Stato che questa mattina hanno effettuato i rilievi
    nella palazzina che si trova in piazza Vittorio Veneto,
    nell’area della stazione ferroviaria. Gli accertamenti tecnici
    sono stati affidati al personale della scientifica che proverà a
    ricavare elementi utili anche dagli arnesi ‘dimenticati’
    all’interno della sede. Gli autori dell’atto, infatti, hanno
    sradicato una porta e smontato dei pannelli da altre due ma non
    hanno portato via niente. La palazzina, tra l’altro, ospita
    anche la sede di un’altra sigla sindacale ma il raid ha
    interessato soltanto le stanze della Filt Cgil. Gli
    investigatori sono al lavoro per ricostruire il movente del
    gesto e per capire se si sia trattato soltanto di un raid
    vandalico o di un vero e proprio attacco alla sede del
    sindacato. Gli agenti hanno acquisito le immagini delle
    telecamere presenti in zona, dalle quali potrebbero emergere
    particolari utili ai fini investigativi. “Certamente è un atto
    intimidatorio e dimostrativo visto che dalla sede non è stato
    asportato niente, pur essendoci diverse attrezzature
    informatiche facilmente trasportabili”, si legge in una nota
    congiunta a firma dei segretari provinciali di Cgil e Filt Cgil,
    Antonio Apadula e Gerardo Arpino. “Quando si colpisce una sede
    sindacale si vuole colpire un presidio di libertà. Le sedi sono
    luoghi frequentati dai lavoratori e dalle lavoratrici, quindi
    l’attacco di ieri notte è un attacco a tutto il mondo del lavoro
    ed alla democrazia. L’ennesimo vile attacco ad una sede della
    CGIL è di per sé grave perché richiama purtroppo un obiettivo
    storico di un avamposto della democrazia che non va affatto
    sottovalutato. È già successo durante il ventennio fascista, e
    oggi come allora non ci faremo intimidire. Confidiamo che tutta
    la cittadinanza, oltre che tutte le forze politiche, condannerà
    questo ennesimo attacco alle forze democratiche di questo
    Paese”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte