• Israele, Lapid: ‘Favorevole alla soluzione di Due Stati’

    Condividi l'articolo

     Il sostegno di Israele alla ‘soluzione dei Due Stati’ nel conflitto con i palestinesi sarà enunciato dal premier Yair Lapid nel discorso che pronuncerà oggi all’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Lo hanno anticipato fonti a lui vicine citate con evidenza dai media locali, alcuni dei quali stimano che si tratti di una “svolta netta” nella politica estera israeliana degli ultimi anni.  Lapid, scrive Haaretz, insisterà sulla necessità di una separazione politica dai palestinesi “per rafforzare la sicurezza di Israele”. La reazione negativa del Likud, principale partito di opposizione, non si è fatta attendere. “Lapid – ha affermato – vuole consegnare al nemico lembi della Terra d’Israele. Per anni Benyamin Netanyahu è riuscito a rimuovere la questione palestinese dall’agenda internazionale, e in meno di un anno Lapid ha riportato invece Abu Mazen in primo piano”. Anche nello stesso governo di transizione guidato da Lapid (nell’imminenza delle elezioni politiche di novembre) si sono sollevate voci critiche. “Lapid rappresenta solo se stesso con questa presa di posizione”, ha avvertito la ministra degli interni Ayelet Shaked, una esponente della destra nazional religiosa. “Uno Stato palestinese rappresenta un pericolo per Israele”. Anche il ministro della giustizia Gideon Saar (leader di una nuova formazione laica centrista) ha affermato che “uno stato terroristico in Giudea-Samaria (Cisgiordania) minaccia la nostra sicurezza. La maggior parte del popolo israeliano e dei suoi rappresentanti lo impediranno”. Colto di sorpresa e del tutto contrario alla iniziativa di Lapid anche l’ex premier Naftali Bennett: “Non c’è alcuna logica di riportare a galla il progetto dello Stato palestinese. Siamo nel 2022 e non nel 1993 (anno degli accordi di Oslo, ndr). Anche i nostri amici non si aspettano da noi che facciamo compromessi sulla nostra sicurezza e sul nostro futuro”.
      

    LONDRA VALUTA AMBASCIATA A GERUSALEMME
    Il governo conservatore britannico, sotto la nuova guida del ‘falco’ Liz Truss, sta valutando la possibilità di spostare l’ambasciata britannica in Israele da Tel Aviv a Gerusalemme, come fatto sinora fra i grandi Paesi solo dagli Usa, in forza di una decisione presa dall’allora presidente Donald Trump e poi non revocata da Joe Biden. La neo premier ne ha parlato ieri a New York a margine dei lavori dell’Onu in un faccia a faccia con l’omologo israeliano Yair Lapid, come ha confermato oggi una portavoce di Downing Street, affermando che la “dislocazione dell’ambasciata è adesso sotto revisione” da parte di Truss.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte