• Istanbul: milizie Pkk in allerta nel nord della Siria

    Condividi l'articolo

    (ANSAMed) – BEIRUT, 14 NOV – I miliziani del Partito dei
    lavoratori curdi (Pkk) nel nord della Siria sono in massima
    allerta dopo le accuse rivolte nelle ultime dalle autorità
    turche al movimento armato curdo di essere responsabile
    dell’attentato di Istanbul.
        Lo riferiscono media siriani e fonti locali, secondo cui la
    mobilitazione militare è intensa soprattutto nella zona di Ayn
    Arab (Kobane), epicentro delle tensioni tra forze turche e Pkk
    lungo la frontiera siro-turca.
        Si teme, affermano le fonti, l’avvio di una campagna militare
    turca nella zona come più volte annunciato da Ankara sin dalla
    primavera scorsa.
        In Siria il Pkk guida da anni, col sostegno statunitense, una
    coalizione di combattenti curdi e arabi con l’obiettivo di
    controllare la regione siriana nord-orientale, ricca di petrolio
    e altre risorse energetiche.
        La Turchia, che considera il Pkk una formazione terroristica,
    ha condotto ripetute operazioni militari nel nord della Siria e
    controlla, nel settore occidentale della frontiera, ampie zone
    anche grazie alla cooptazione di miliziani siriani locali
    anti-curdi. (ANSAMed).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte