• Isw, in vista ‘azione decisiva’ russa nei prossimi 6 mesi

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 16 GEN – È probabile che il Cremlino voglia “condurre un’azione decisiva nei prossimi sei mesi” per
    riprendere il controllo della situazione in Ucraina dopo una
    serie di fallimenti e di controffensive ucraine andate a buon
    fine: lo scrive l’Istituto per lo studio della guerra (Isw) nel
    suo ultimo aggiornamento sul conflitto, come riporta il Kyiv
    Independent.
        La Russia non è riuscita a raggiungere la maggior parte dei
    suoi obiettivi principali in Ucraina, osservano gli esperti del
    centro studi americano ricordando che le forze di Mosca non sono
    riuscite a catturare Kiev nei primi giorni dell’invasione, così
    come la totalità delle regioni di Lugansk e Donetsk.
        Allo stesso tempo, le truppe ucraine hanno liberato più del
    50% del territorio occupato dalla Russia da febbraio, compresa
    Kherson, l’unico capoluogo regionale che la Russia era riuscito
    a conquistare.
        L’istituto commenta infine che anche la campagna russa di
    colpire le infrastrutture critiche ucraine durante l’inverno,
    nel tentativo di demoralizzare gli ucraini, è stata finora un
    fallimento e per molti versi ha generato un maggiore sostegno
    alla causa ucraina. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte