Italia-Israele: Manfredi, alimentare amicizia fra popoli

Nov 14, 2021

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – NAPOLI, 14 NOV – ”Ci sarà un forte impegno della
    comunità napoletana e della città che rappresento per far si che
    i rapporti di amicizia siano ulteriormente stimolati e
    rafforzati. Dobbiamo sempre alimentare l’amicizia tra i popoli
    per sconfiggere i semi dell’intolleranza che ogni tanto
    riemergono nei comportamenti e nelle azioni di alcuni”. Lo ha
    detto il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, intervenuto ai
    lavori di apertura del XXXII Congresso nazionale della
    Federazione Italia Israele in corso di svolgimento a Napoli a
    cui partecipa anche l’ambasciatore dello Stato d’Israele in
    Italia, Dror Eydar.
        Manfredi ha sottolineato che aver scelto la città di Napoli
    per questo appuntamento ”sottolinea ancora una volta il legame
    storico, profondo e solido che c’è tra la comunità ebraica e la
    nostra città dal punto di vista culturale, sociale ed
    economico”. “Penso – ha aggiunto il primo cittadino – che in
    questo momento molto particolare a livello globale in cui sempre
    di più stiamo attraversando una fase di trasformazione, anche
    accelerata dagli effetti della pandemia, abbiamo la necessità di
    rafforzare rapporti solidi tra gli Stati che hanno sempre messo
    dalla loro parte il tema della democrazia, dello sviluppo e
    della crescita e pertanto ritengo che Napoli possa rappresentare
    un luogo dove la cooperazione italo-israeliana possa essere
    continuamente rafforzata dal punto di vista della crescita,
    della cultura, della ricerca per lo sviluppo soprattutto
    attraverso le nuove tecnologie e loro applicazione”.
        Proprio sul fronte della ricerca, il sindaco Manfredi ha
    evidenziato quanto sia ”salda” la cooperazione tra il sistema
    della ricerca napoletano e campano e il sistema israeliano che ”potrà essere ulteriormente rafforzata anche in virtù di tanti
    nuovi progetti che dovranno partire tra il grande progetto
    dell’applicazione della tecnologia all’agricoltura con
    l’istituzione a Napoli del Centro nazionale”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte