• Italiano senza voce,Cioffi amaro ‘Verona fuori giri’

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – FIRENZE, 18 SET – Durante la partita ha urlato molto
    per trascinare la sua Fiorentina al ritorno al successo e al
    termine Vincenzo Italiano non aveva più la voce per parlare, per
    questo in sala stampa è intervenuto il suo secondo, Daniel
    Niccolini: “Dobbiamo ringraziare questi ragazzi che stanno dando
    il massimo e la disponibilità massima nonostante le difficoltà –
    ha sottolineato il vice di Italiano -. Il cambio di modulo al
    4-2-3-1? ln realtà non c’è stato ma è il movimento chiesto a
    Barak che ha creato un modulo diverso ma era una strategia.
        Kouame punta centrale? Il Verona gioca uomo contro uomo e noi
    avevamo bisogno delle sue caratteristiche davanti”. Una vittoria
    importante per la squadra ma anche per Vincenzo Italiano,
    ultimamente al centro di alcune polemiche per il gioco della
    squadra in alcune gare e per i risultati al di sotto delle
    attese: “lo vedete come vive la settimana e quanto ci tiene alla
    squadra e a noi e ci sta che dopo un periodo così così si sia
    preso non suo momento personale – ha ricordato Niccolini -.
        Vittoria importante che ci dà modo di lavorare con serenità a
    pieno regime durante la sosta” Tra i protagonisti della sfida del Franchi il centrocampista
    viola Mandragora: “è una vittoria che ci serviva. Dovevamo
    riscattarci dopo alcuni risultati negativi. Siamo compatti sia
    nelle sconfitte che nelle vittorie. Siamo felici di aver
    raggiunto la vittoria”.
        In casa Hellas Verona, invece, si mastica amaro soprattutto
    per un primo tempo che poteva essere giocato in maniera diversa: “Abbiamo girato poco il pallone in fase di costruzione nel primo
    tempo. Abbiamo concesso un gol su un fallo laterale che è una
    roba che noi non ci possiamo permettere – ha detto il tecnico
    Cioffi -. Abbiamo avuto un inizio in salita per tanti motivi,
    abbiamo gestito delle situazioni più grandi noi anche extra
    calcio. Detto questo la responsabilità è nostra, dobbiamo
    migliorare, le scuse non ci devono essere. Nel primo tempo ci
    siamo mandati fuori giri da soli. Nel secondo tempo siamo stati
    più ordinati ma non abbiamo punto nonostante fossimo messi
    meglio in campo”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte