Kiev, 41.350 soldati russi uccisi dall’inizio della guerra

Ago 3, 2022

Condividi l'articolo

   La guerra in Ucraina – Circa 41.350 soldati russi sono stati uccisi in Ucraina dall’inizio dell’invasione, secondo l’esercito di Kiev. Nel suo aggiornamento sulle perdite subite finora da Mosca, l’esercito ucraino indica che si registrano anche 223 caccia, 191 elicotteri e 740 droni abbattuti. Lo riporta Ukrinform.
    Inoltre le forze di Kiev affermano di aver distrutto 1.774 carri armati russi, 939 sistemi di artiglieria, 4.022 veicoli blindati per il trasporto delle truppe, 15 navi e 180 missili da crociera. .
 

   La nave partita da Odessa con 26 tonnellate di maisLa nave del grano – La ‘Razoni’, prima nave a esportare cereali dall’Ucraina dopo l’invasione russa a fine febbraio, è ispezionata nei pressi dell’entrata del Bosforo sul Mar Nero a Istanbul. Lo rende noto il ministero della Difesa turco. Tra i controllori ci sono delegati di Turchia, Ucraina, Russia e Onu, ovvero le parti che hanno siglato, il 22 luglio a Istanbul, un accordo per permettere l’esportazione di grano e prodotti alimentari simili dai porti ucraini. La ‘Razoni’, battente bandiera della Sierra Leone, è partita lunedì mattina da Odessa con un carico di 26mila tonnellate di cereali ed è arrivata a Istanbul ieri sera. Dopo l’ispezione, la nave riprenderà il suo viaggio verso Tripoli in Libano, la sua destinazione finale.  

  L’allarme dell’Onu – Oltre dieci milioni di ucraini hanno attraversato i valichi di frontiera dall’inizio dell’invasione russa, il 24 febbraio: è la stima dell’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati. Secondo l’Onu, dal 24 febbraio al primo agosto hanno lasciato l’Ucraina 10.290.039 persone.


Fonte originale: Leggi ora la fonte