“La lettera” di Paolo Nani martedì 16 novembre (ore 21) al Teatro Galli | Comune di Rimini

Nov 15, 2021

  • Condividi l'articolo

    La stagione del Teatro Galli prosegue ospitando Paolo Nani, uno dei più affermati attori e registi a livello internazionale del ‘teatro fisico’, che martedì 16 novembre (ore 21) porta a Rimini il suo spettacolo-icona, La Lettera. Dal 1992 questo spettacolo è rappresentato in tutto il mondo, dalla Groenlandia al Giappone, in Argentina e in Spagna, in Norvegia e in Italia con oltre milleottocento repliche. Un successo frutto del talento, della dedizione e della precisione di Nani e del meccanismo, piccolo e perfetto, su cui è costruito lo spettacolo.

    La lettera è liberamente ispirato al libro dello scrittore francese Raymond Queneau Esercizi di Stile, scritto nel 1947, dove una breve storia è ripetuta novantanove volte in altrettanti stili letterari. Il tema è semplice: un uomo entra in scena, si siede a un tavolo, beve un sorso di vino che però sputa, contempla la foto della nonna e scrive una lettera. La imbusta, affranca e sta per uscire quando gli viene il dubbio che nella penna non ci sia inchiostro. Controlla e constata che non ha scritto niente. Deluso, esce.

    La storia de La lettera si ripete quindici volte in altrettante varianti come: all’indietro, con sorprese, volgare, senza mani, horror, cinema muto, circo, e via dicendo. Solo sul palco con un tavolo e una valigia di oggetti, Paolo Nani dà vita a 15 micro storie, tutte con la medesima trama ma interpretate ogni volta da una persona diversa. Nell’arco di 80 minuti non lascia un attimo di respiro e inchioda lo spettatore: uno spettacolo che è dunque uno studio sullo stile, sulla sorpresa e sul ritmo, che vengono portati all’estremo della precisione ed e?cacia comica, nella costante evoluzione dello spettacolo.

    Paolo Nani risiede e lavora a Vordingborg in Danimarca dal 1990. Originario di Ferrara nel 1978 entra in contatto con la compagnia teatrale di origine argentina Teatro Nucleo, diretta da Cora Herrendorf e Horacio Czertok. Lavorerà con la compagnia fino al 1990, con spettacoli in tutta Europa. Nell’autunno dello stesso anno si stabilisce in Danimarca dove comincia una collaborazione con il Teatret Cantabile 2 diretto da Nullo Facchini, lavorando in “Stumfugle” (Primo Premio al Festival Impulse ’92, Germania), poi in “Helvede”, ispirato a Dante (premiato nel ’93 dall’Associazione Critici Danesi). Nel 1995 fonda la propria compagnia che denominerà Paolo Nani Teater.

    Durante questi anni Paolo Nani, oltre a girare in lungo e in largo con i suoi spettacoli, approfondisce il suo lavoro di regia, produce e dirige diversi spettacoli, sviluppa il suo lavoro di pedagogia teatrale, organizzando workshops e insegnando a diverse riprese in Italia, Norvegia, Islanda, Colombia e in scuole come la Scuola Teatro Dimitri, in Svizzera, La School of Stage Arts e la Scuola Nazionale di Teatro in Danimarca.

    Ingresso unico 15 euro.

    Biglietteria Teatro Galli (piazza Cavour 22, Rimini) tel. 0541 793811.

    e-mail biglietteriateatro@comune.rimini.it

    Biglietti on line su biglietteria.comune.rimini.it.

    Paolo Nani in
    LA LETTERA
    ideazione Nullo Facchini e Paolo Nani
    regia Nullo Facchini
    produzione Agidi


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Usa: 13enne spara e uccide bimbo di 5 anni durante un gioco

    Usa: 13enne spara e uccide bimbo di 5 anni durante un gioco

    Morire a 5 anni per un colpo di pistola esploso per gioco da un amichetto di 13 anni. L'ennesima tragedia delle armi negli Usa, in Minnesota, è accaduta nel giorno della Festa del Ringraziamento. Nella cittadina di Brooklyn Park un gruppo di bambini in una casa stava...

    Dionisi, il Sassuolo ha meritato ma ora serve continuità

    Dionisi, il Sassuolo ha meritato ma ora serve continuità

    (ANSA) - MILANO, 28 NOV - "Abbiamo iniziato a far meglio quando siamo andati sotto. Sono contento, ora dobbiamo trovare continuità di risultati. Le prestazioni sono mancate poche volte ma dobbiamo andare avanti. Sono tre punti importanti ma non valgono doppio. Oggi...